I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il notaio conferma?
Il notaio conferma/ Acquistare casa insieme al convivente: rischi e tutele

di Maria Adelaide Amati Marchionni – Notaio in Sala Bolognese

Acquistare un immobile insieme al proprio convivente (in assenza di matrimonio) richiede cautele specifiche, soprattutto se per ragioni fiscali il bene sarà intestato solo ad uno dei conviventi, nonostante entrambi contribuiranno in parti uguali a pagare il prezzo.

Vediamo nel dettaglio le cautele da adottare.

Gli acquisti immobiliari di persone non legate da vincoli matrimoniali vanno trattati con la massima attenzione, per evitare di incorrere in problemi successivi che potrebbero presentarsi o, quanto meno, per limitare i relativi “danni”.

Quando l’immobile viene intestato ad entrambi i conviventi c’è chiaramente una maggiore tutela dato che ciascuno può vantare un diritto su una quota del bene. Quando invece l’acquisto viene concluso da un solo componente della coppia di fatto, partecipando l’altro solo finanziariamente alla compravendita, la situazione si complica. Le ragioni che possono spingere a tali scelte possono essere di diversa natura anche se spesso sono legate a risparmi fiscali; in questi casi può essere opportuno siglare un accordo a parte tra i partners, sia per far risultare il contributo economico ricevuto che per regolare eventuali e futuri impegni di restituzione o di ritrasferimento tra gli stessi.

Nel caso di cessazione del legame affettivo, uno dei principali problemi patrimoniali che i conviventi si trovano ad affrontare riguarda la sorte dell’immobile acquistato dagli stessi, insieme o isolatamente da uno solo dei due. La scelta da prendere in occasione della crisi di coppia si fonda sul libero accordo dei conviventi, non potendo gli stessi ricorrere all’autorità giudiziaria affinché decida sull’assegnazione del bene, come invece accade nei casi di separazione o di divorzio tra coniugi. Sicuramente un accordo in tal senso assunto preventivamente potrebbe facilitare la risoluzione di tali controversie.

Infine può essere consigliabile tutelarsi per il caso di morte prematura di uno dei due compagni. La legge ad oggi non riconosce diritti successori a favore di soggetti legati da vincoli “di fatto” e per tale ragione è suggeribile predisporre un testamento. Con questo strumento si potrebbe, ad esempio, lasciare l’immobile ove si convive al proprio partner; così facendo si può assicurare a chi non ha diritti reali sulla casa (o ne ha magari solo su una quota della stessa), di usufruirne anche dopo la morte del titolare, evitando cosi scomode e spiacevoli discussioni con altri parenti.

Tags:
notaioacquistare casaprima casaconviventi
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.