I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il notaio conferma?
Eredità e successioni, vademecum per il coniuge separato o divorziato

di Maria Adelaide Amati Marchionni*

Il legame matrimoniale costituisce uno dei principali presupposti che permette al coniuge di assumere la qualifica di erede in caso di morte del suo congiunto, e così di partecipare alla ripartizione dei suoi beni.
Nei casi di crisi matrimoniale, la posizione del coniuge (o dell'ex coniuge) nei confronti dell'eredità del defunto cambia - con conseguenze differenti- a seconda che nella coppia sia subentrata la separazione o il divorzio.
Analizziamo separatamente i due casi.

Il coniuge separato mantiene gli stessi diritti di quello non separato e resta uguale la quota di eredità che gli spetta per legge. Inoltre, nel caso sia stato predisposto un testamento che lo escluda totalmente dall'eredità (nominando erede qualcun altro, magari anche un nuovo compagno) o che gli lasci una parte del patrimonio inferiore a quel minimo garantito per legge, costui conserva comunque il diritto ad ottenere tale quota, anche contro la volontà del coniuge defunto.

Questa regola subisce però un'importante eccezione quando la separazione personale non sia stata pronunciata con il pieno accordo dei coniugi, ma sia stata provocata da fatti e colpe imputabili solamente ad uno dei due. In questi casi, che devono comunque essere accertati dall'autorità giudiziaria, alla moglie o al marito superstiti non viene riconosciuto alcun diritto a partecipare all'eredità; gli stessi possono soltanto aspirare a ricevere una somma di denaro in forma di assegno vitalizio a carico degli eredi. Sarà proprio il giudice a determinarne l'esatto importo, tra l'altro solo se a questi già spettasse il diritto agli alimenti a carico del coniuge poi defunto.

Veniamo ora all'ipotesi di chi è divorziato. Con il divorzio il vincolo matrimoniale si scioglie definitivamente e, di conseguenza, il soggetto perde il precedente status di "coniuge". Proprio per questa ragione la legge non gli riconosce più alcun diritto per effetto della morte dell'ormai ex coniuge.

Anche in questo caso quanto appena scritto necessita di un'importante precisazione. In base alla legge sul divorzio del 1970, infatti, il divorziato che si trovi in stato di bisogno (che sia privo cioè di mezzi economici sufficienti al proprio mantenimento) può ricevere un assegno a carattere periodico a carico dell'eredità; questa forma di tutela, seppur minima ma non trascurabile, spetta solo a chi già godesse del diritto agli alimenti.
Data la delicatezza della questione, l'esatta quantificazione della somma da riscuotere spetta esclusivamente all'autorità giudiziaria.

Infine, il diritto a tale assegno di natura assistenziale, in quanto collegato ad una reale ed accertata situazione di difficoltà economica, non può che venire a cadere quando l'ex coniuge si risposi successivamente. Con le nuove nozze, infatti, si presume che costui, venendo a formare un nuovo nucleo familiare, esca finalmente dalla situazione di bisogno in cui si trovava quando era solo.

*Notaio di Sala Bolognese

Iscriviti alla newsletter
Tags:
notaioereditasuccessione
in evidenza
Ognissanti, caldo quasi estivo Alta pressione da Nord a Sud

L'inverno è lontano

Ognissanti, caldo quasi estivo
Alta pressione da Nord a Sud

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico

Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.