I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il notaio conferma?
Compra casa, ecco gli incentivi fiscali con il decreto Sblocca-Italia
CHI PAGA IMU E TASI: L'imposta municipale deve essere corrisposta dai proprietari di seconde case e di prime case di lusso (A/1, A/8 e A/9). Si considera abitazione principale, la casa utilizzata come dimora abituale dal possessore e dal proprio nucleo familiare a condizione che vi risiedano anagraficamente. Oltre alla prima casa, sono esenti dal pagamento Imu anche i terreni agricoli per imprenditori agricoli e coltivatori diretti e tutti i terreni che si trovano in comuni montani. La Tasi deve essere corrisposta per prima e seconda casa. Nel caso di casa in affitto l'imposta deve essere divisa tra proprietario e in una percentuale tra il 10 e il 30% dall'inquilino

di Maria Adelaide Amati Marchionni*


Il settore immobiliare è certamente quello che sta soffrendo più di tutti la crisi economica che da anni si abbatte sulle nostre economie, ed è per questo che l'attuale  governo  sta in concreto cercando di rilanciare il settore con l'ultima manovra di cui si legge ultimamente sui quotidiani. Le compravendite di appartamenti sono notevolmente diminuite, la gente ha meno risorse da impiegare negli acquisti e le banche fanno ancora fatica a finanziare chi intende comprare casa. Tutto ciò ha causato forti problemi non solo ai privati, ma soprattutto alle grandi imprese di costruzione che si sono ritrovate con moltissime unità immobiliari invendute e poche prospettive positive per il futuro.

La questione è giunta già da tempo all'interno delle aule parlamentari, accendendo il dibattito ed il confronto sull'individuazione di misure concrete per rilanciare un campo tra i più importanti per il nostro Paese, ed è proprio per tentare di dare una risposta a queste richieste il governo ha approvato una serie di incentivi inseriti nel testo del cd. "Sblocca Italia". Il decreto legge in oggetto prevede alcune misure con il chiaro intento di contribuire alla ripresa delle negoziazioni aventi ad oggetto fabbricati, soprattutto di tipo abitativo.

In particolare, tra gli incentivi destinati ad avere un maggior impatto in occasione delle prossime trattative immobiliari, è stata introdotta un'agevolazione fiscale a favore di chi compra un appartamento da un'impresa di costruzione, a condizione che si impegni a locarlo per almeno otto anni e che il canone di locazione non sia superiore a quello cd. "concordato" determinato per legge. In questi casi, sempre che vengano rispettate alcune condizioni abbastanza stringenti previste dal decreto, si acquista il diritto ad una deduzione IRPEF da spalmare su otto anni e pari al 20% del prezzo pagato per l'acquisto, comunque con un tetto massimo di prezzo pari a 300.000 euro.

Le condizioni al ricorrere delle quali si può usufruire di tale beneficio sono le seguenti: l'acquirente deve essere una persona fisica, la casa deve essere di nuova costruzione e rientrare nelle classi di prestazione energetica "A" o "B" e l'atto di compravendita deve perfezionarsi nel periodo che va dal 1° gennaio 2014 alla fine del 2017. Parallelamente un analogo incentivo è stato esteso a chi investe per costruire una casa su terreni già di sua proprietà avvalendosi di imprese specializzate: anche in questo caso il bene andrà concesso in locazione una volta ultimata la relativa realizzazione, ed il parametro di riferimento per la deduzione sarà rappresentato dai costi di costruzione che dovranno essere regolarmente attestati dall'impresa che eseguirà i lavori.

Tutti i presupposti da rispettare per usufruire della deduzione in oggetto devono essere dimostrati e dichiarati in occasione della conclusione del contratto di locazione, momento centrale in cui si valuterà la spettanza o meno dei benefici. Verosimilmente la platea di chi potrà sfruttare queste deduzioni non sarà vastissima, tuttavia il reale impatto della misura legislativa  sulle contrattazioni immobiliari potrà valutarsi solamente nei prossimi mesi o addirittura anni.

*Notaio di Sala Bolognese

Tags:
sblocca italia
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.