A- A+
Action woman
Violenza sulle donne/ Il cambiamento è il segreto per ogni miglioramento

Il grande fisico e matematico, premio Nobel, Albert Einstein, sosteneva che è follia pensare di ottenere risultati diversi facendo sempre le stesse cose. Il concetto è matematico: 2+2 da 4 sempre, ovunque, per chiunque. Se 4 non ci è sufficiente e vogliamo ottenere 5 è da pazzi continuare a sommare 2 + 2 e sperare che si possa avere un risultato diverso da 4.

Per ottenere 5 occorre, per esempio, trasformare un due in tre, 2+3 = 5. Per ottenere un risultato diverso, maggiore di quattro, abbiamo introdotto una variazione in uno dei due fattori della somma, abbiamo fatto delle modifiche, è stato necessario fare dei cambiamenti. Se vogliamo ottenere qualcosa che non abbiamo, se vogliamo migliorare in un campo che ci interessa, sia nella vita privata che nella vita professionale, se vogliamo imparare a fare qualcosa che ci è utile e che ci apporta dei maggiori benefici, occorre introdurre dei cambiamenti a ciò che stiamo facendo. Facciamo un esempio concreto. Se vogliamo arrivare al lavoro cinque minuti prima, una possibilità è quella di puntare la sveglia in anticipo di cinque minuti per alzarsi prima. Una seconda possibilità può essere quella di individuare un percorso più rapido per recarsi sul lavoro, magari con meno semafori e che ci faccia risparmiare almeno 5 minuti. In entrambi i casi occorre introdurre dei cambiamenti, delle modifiche ai nostri comportamenti. E questo vale per tutte le cose che facciamo nella vita.

Molto semplice, tuttavia non facile. Infatti, spesso i cambiamenti si innestano in comportamenti standardizzati, consolidati nel tempo, e quindi radicati profondamente. Allora per cambiare occorre modificare delle abitudini, ma non è facile perché le abitudini sono quelle che ci permettono di svolgere le nostre azioni in automatico, senza pensare. Fare la stessa cosa ripetitivamente ci fa sentire a nostro agio ogni volta che la compiamo, mentre quando si modifica una abitudine si entra in un territorio sconosciuto, e ciò crea disagio. Tornando agli esempi di prima, alzarsi 5 minuti prima crea disagio perché ci leva 5 minuti di sonno. Cambiare strada per andare al lavoro non solo crea disagio perché occorre studiare un percorso nuovo, ma implica anche che quando lo percorreremo, per le prima volte non saremo a nostro agio perché non conosciamo bene la strada.

Una Action Woman è cosciente che qualsiasi cambiamento che desidera deve partire da sé stessa, prima dal suo modo di pensare e poi dal suo modo di agire. Una donna che vuole diventare più forte e più sicura di sé deve iniziare a pensare da donne forte e sicura. Ma non basta, deve iniziare ad agire da donna forte e sicure.

Nel prossimo appuntamento vedremo come introdurre i cambiamenti nella nostra vita in modo semplice e molto molto efficace.

 
Tags:
action womanviolenza sulle donnefemminicidio

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.