Affarinternazionali

di Mariella Colonna

A- A+
Affarinternazionali
La ruggine del caffè destabilizza il Sudamerica. E Obama teme una invasione di migranti

Una piantagione di caffé sana assomiglia a un’enorme distesa di foglie verdi e bacche rosse. Adesso però – riporta Lookout News - alcuni terreni coltivati in America Centrale (e in parte anche in Sud America) sono cominciati a diventare giallastri. La colpa è della cosiddetta “ruggine del caffé”, un virus prodotto dal fungo Hemileia Vastatrix, conosciuto anche come “roya”. Si tratta della peggiore piaga che da quarant’anni a questa va a colpire i principali Paesi produttori di caffè delle Americhe.

Gli effetti di questa crisi dilagante preoccupano anche gli Stati Uniti. Washington teme infatti che la perdita di posti di lavoro in tutti i settori della catena di produzione e vendita del caffé possa destabilizzare tutto il Centro e Sud America, creando problemi per la sicurezza e per la già complessa gestione dei flussi migratori.

Per prevenire possibili ripercussioni entro i propri confini gli USA hanno annunciato la donazione di 3,6milioni di euro al Dipartimento di Ricerca Agricola dell’Università del Texas, a cui è stato affidato il compito di impedire il diffondersi della “ruggine del caffè”. Secondo i dati del Dipartimento di Stato americano “si tratta della peggiore crisi dovuta al virus roya dal 1976”. Le cifre diffuse dall’Organizzazione Mondiale del Caffé rivelano che il fenomeno ha ormai coinvolto il 30percento delle piantagioni e che c’è il rischio che si perdano 374mila posti di lavoro.

La situazione più grave in questo momento è nel Guatemala dove, in seguito all’accertamento delle perdite di 260milioni di dollari solo in un anno è stato dichiarato lo stato di emergenza sanitaria. Gli altri Paesi che hanno registrato ingenti perdite sono Honduras, Jamaica, El Salvador, Panama, Nicaragua, Repubblica Dominicana e Costa Rica, Stati da cui proviene il 14percento della produzione mondiale di caffè e dove è andato perso il 40percento della produzione totale. In Messico, in Colombia e in Perù gli effetti del fungo Hemileia Vastatrix finora sono stati contenuti, ma i contadini rimangono in allerta.

Secondo il portavoce della Specialty Coffee Association of America, Eric Rhinehart, “l’infezione è dovuta a una combinazione di temperature più alte del normale e a forti piogge, i contadini non erano preparati”. Mentre secondo le stime dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (USAID) qualora non dovesse essere trovata una soluzione in tempi brevi, nei prossimi anni la produzione di caffé subirà un calo tra il 15% e il 40%. 

 

Tags:
obamaruggine del caffemigranti
in evidenza
Excel, scoppia la polemica social "E' più importante della storia"

Il dibattito sulla scuola

Excel, scoppia la polemica social
"E' più importante della storia"

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.