Chiesa Digitale

di Massimiliano Chiesa

A- A+
Chiesa Digitale

di Massimiliano Chiesa

Lo spot sembra quello di una qualsiasi compagnia telefonica di oltre vent'anni fa. Enfaticamente retorico, ci ricorda come il telefonino serva per connetterci ai nostri cari, ai nostri amici. Solo che non si parla più. Si guardano gli status.

Sto parlando dello spot di HOME, il cellulare che non c'è by Facebook. Si, perché anche se il mondo stava aspettando il nuovo cellulare di Facebook, il buon vecchio Mark ha presentato un semplice launcher per Android.


VIDEO/ Lo spot di Facebook Home

 

 

m chiesa
L'autore/ Massimiliano Chiesa viene folgorato sulla via del web in tempi non sospetti. La bolla non era ancora nell'aria e la rete era cosa per pochi intimi. Il terreno ideale per giocare con la creatività. Nel tempo il gioco si è fatto serio. Oggi dirige Dodicitrenta, un digital creative studio con sedi a Milano e Roma e si diverte in giro per la rete come I Love Clients.

Un launcher, in parole estremamente povere, è l'interfaccia di Android e gestisce il lock screen e la homescreen, che organizza e lancia le altre app

. Home rende quindi un dispositivo Android molto simile a Facebook, portando in primo piano gli aggiornamenti degli amici, le pagine che seguiamo, i gruppi a cui partecipiamo...
Il news feed di Facebook, insomma.
Poi c'è il nostro faccione/avatar preso direttamente da Facebook, tecnicamente detto Bubble Head, che permette di muoversi tra diverse aree.

In sostanza, Home fascia un sistema operativo esistente con la sua carta luccicante. Altro che nuovo cellulare.
A me personalmente pare una furbata, un po' come piazzare una bella scritta GTI TURBO posticcia sul sedere di una decrepita Golf prima serie.

Neppure il fatto di spostare il focus dalle app alle persone rappresenta una novitá.
Windows Phone, come Microsoft ha prontamente dichiarato, (e altrettanto prontamente rimosso il post) lo fa da due anni.
E non si può certo affermare che questa innovazione abbia fatto decollare le vendite di smartphone Windows.

In verità è stato anche presentato un telefono con Home preinstallato, l'HTC First, un Android di fascia media spacciato per Facebookfonino.
Ma siamo evidentemente lontani dal lancio di un vero e proprio device.

Dobbiamo quindi bollare l'intera operazione come sostanzialmente inutile? Forse, ma c'è un aspetto che mi sembra sia passato sotto traccia ovvero la possibilità di far passare pubblicità sugli schermi dei nostri smartphone attraverso il lock screen e il news feed. E questo, fuori da ogni giudizio etico, potrebbe essere realmente rivoluzionario.

Per la cronaca è stato rilasciato un nuovo, e un po’ inquietante, spot di Facebook Home. Giudicate voi.

 


VIDEO/ Il nuovo spot di Facebook Home

 

 

Tags:
chiesa digitalespot
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.