Chiesa Digitale

di Massimiliano Chiesa

A- A+
Chiesa Digitale

di Massimiliano Chiesa

m chiesa
L'autore/ Massimiliano Chiesa viene folgorato sulla via del web in tempi non sospetti. La bolla non era ancora nell'aria e la rete era cosa per pochi intimi. Il terreno ideale per giocare con la creatività. Nel tempo il gioco si è fatto serio. Oggi dirige Dodicitrenta, un digital creative studio con sedi a Milano e Roma e si diverte in giro per la rete come I Love Clients.

C'è un uomo che ci ha abituato a miracoli vari.
Quest'uomo sbarca su Twitter e assistiamo all'improvvisa moltiplicazione dei followers
.
Non sto parlando del Sommo Pontefice, che di miracoli dovrebbe comunque intendersene, il cui account @pontifex, pur richiamando alla mente un fissante per dentiere, viaggia spedito verso l'alto dei cieli.
E non sto parlando nemmeno del Professore, l'ultimo uomo dell'italica provvidenza in ordine cronologico, il cui account @senatoremonti vanta un trionfale spread tweet/followers.

Mi riferisco a Silvio Berlusconi e all'account @Berlusconi2013.
Aperto il 6 dicembre 2012, ha vivacchiato come il profilo di un comune mortale per poi, improvvisamente, esplodere e decuplicare i propri followers in un solo giorno.

In realtà il fenomeno non è nuovo a chi s'interessi minimamente di fatti digitali. È stato reso noto al grande pubblico da Camisani Calzolari, ma è pratica conosciuta a chiunque vagoli in rete per motivi professionali.
Dal punto di vista della notizia quindi non è rilevante. Così come la solita storiella del "profilo violato" (c'è caduto pure Vasco Rossi all'epoca degli sproloqui su Facebook, ricordate?) o del profilo non ufficiale, a cura in questo caso di sedicenti Volontari Digitali.

Potrebbe esserlo sotto il profilo etico ma chi potrebbe scagliare la prima pietra in totale buona fede tra i tanti "colleghi" dell'onorevole Berlusconi?

Quello che mi pare interessante è capire come sia possibile oggi "scendere in rete" con la stessa leggerezza con cui fare le corna allo stadio (o a un vertice europeo). Capire le ragioni del malcelato fastidio, per non dire della pervicace incapacità, con cui l'imprenditore Berlusconi e l'impero mediatico a cui fa capo, hanno nel tempo approcciato la rete in questi anni.
Non si possono non ricordare la web agency ante litteram Athena 2000, il portale europeo Jumpy, la vicenda del mancato rinnovo del dominio mediaset.com.

Per una volta il vero miracolo sarebbe realizzare che esistono altri media oltre alla TV e alla carta stampata e capire definitivamente che, meno affascinante di una Champions League, meno luccicante di una ballerina in pailettes, meno emozionante di un pezzo di Apicella, la rete rappresenta oggi la più grande platea a disposizione di un uomo politico e di un grande gruppo industriale.

E come tale va compresa e rispettata.

 

Tags:
chiesa digitaleberlusconitwitter

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes partnership con Phi Beach

Mercedes partnership con Phi Beach


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.