A- A+
Food da non usare

Di Maria Carla Rota
(Su Twitter: @MariaCarlaRota)

 

IL REPORTAGE DI AFFARITALIANI.IT/ Ecco il menù della serata crudista organizzata al ristorante Verger di Milano, punto di riferimento per il crudismo

crudismo 1Carpaccio di barbabietola con mousse di crauti e rucolaGuarda la gallery

 

***********************************************

L'EVENTO/ MILANO CAPITALE DELL'ALTA CUCINA CRUDISTA

Nudo&Crudo presenta Raw for Love, il primo evento-show dedicato alla cucina crudista gourmet. Lo chef Vito Cortese e il suo team organizzano in uno speciale workshop per 100 aspiranti cuochi:  si potranno preparare - e gustare - piatti originali e sorprendenti, senza mai aver bisogno di accendere il forno.

Raw for Love si terrà il 1 dicembre presso i Frigoriferi Milanesi, col supporto di Ococo, che fornirà la preziosa acqua di cocco, e vedrà la partecipazione in qualità di aspirante cuoca crudista Paola Maugeri. Il ricavato dell'evento sarà devoluto a favore di Dynamo Camp, la onlus che promuove e gestisce camp di vacanza dedicati ai bambini affetti da patologie gravi e croniche.

INFO:

Evento "Raw for Love"
c/o Frigoriferi Milanesi, Viale G.B.Piranesi 10, Milano (Sala Cubo)
Domenica 1 dicembre 2013 - Inizio evento ore 14.00
Prezzo dell'iscrizione: 99,00 €
Per prenotazioni clicca qui
 

Niente forno, pentole e fornelli. La nuova filosofia culinaria, che ha sempre più successo in Italia, prevede la creazione di piatti di alta cucina senza l'uso di questi attrezzi tradizionali. Perché ogni alimento è crudo. E, da qui, il nome di "crudismo". O "raw food", per dirla all'inglese.

Il crudismo è un approccio alla cucina  che impiega esclusivamente ingredienti di origine vegetale e che ha come peculiarità l'idea che gli alimenti non debbano subire alcun processo di cottura. In ogni caso non essere riscaldati a una temperatura superiore ai 42°gradi.

Ma non pensate solo a insalate di ogni tipo. Nel menù si possono inserire veri piatti gourmet. Qualche esempio? Dagli spaghetti di zucca con "mascarpone" (rigorosamente vegetale) e noci alle sfere di broccoli, dalla mousse di olive alla torta di carote e cioccolato bianco. Passando per il carpaccio di barbabietola, la tartare di avocado e zucchine, il fagottino ripieno di broccoli e avocato e il bunet al cioccolato (vedi gallery a lato).

A diffondere il crudismo nel nostro Paese è  lo chef Vito Cortese,  fondatore di Nudo&Crudo, la più importante community di chef crudisti italiani, fondata tre anni fa (www.nudocrudo.net). E' anche una scuola itinerante di cucina (organizza corsi professionali e amatoriali in tutta Italia) e un sito di riferimento per chi vuole acquistare prodotti crudisti.

Affaritaliani.it lo ha incontrato in occasione di una cena raw food al ristorante Verger di Milano, in via Varese, 1. Un locale che sta diventando sempre più un punto di riferimento per gli amanti di questo tipo di cucina. E sempre a Milano, domenica 1 dicembre alle 14, Vito Cortese organizzerà un workshop ai Frigoriferi Milanesi dove 100 aspiranti cuochi si cimenteranno con la cucina crudista sotto la sua guida e quella del suo staff. Il ricavato dell’evento sarà devoluto in favore dell’associazione Dynamo Camp. 

"Il crudismo è nato in realtà negli Anni Venti del Novecento come cucina terapeutica - racconta Vito Cortese, che negli Usa è stato allievo di Matthew Kenney, il guru mondiale del raw food -. Un medico statunitense, Max Gerson, medico statunitense, aiutava i malati di tumori facendo bere loro succhi verdi ricchi di clorofilla. Poi è nata una vera e propria filosofia di vita e benessere, diffusasi in California tra la fine degli anni '90 e l'inizio del Duemila. Non essendo cotti, gli alimenti mantengono intatte le loro proprietà organolettiche. Considerato il boom di vendite degli integratori alimentari, questo è invece un modo più diretto e gustoso per assimere vitamine e altre preziose sostanze".

Una cucina nutriente sì, ma meno calorica di quella tradizionale. E perfino i golosi possono approfittarne, considerato che la pasticceria crudista non contiene uova, latte, zuccheri e grassi.  

Ingredienti del raw food? Ci sono per esempio i succhi vivi, realizzati con un sistema di spremitura a freddo anziché con la classica centrifuga (che raggiunge comunque i 54-55 gradi), e i semi di canapa, molto proteici: 34 grammi di proteine vegetali ogni 100 grammi. Oppure la farina di cocco, che viene utilizzata al posto delle farine di cereali, l'acqua di cocco, ricca di sali minrali: dà energia senza eccitare come la caffeina. E, ancora, il cacao crudo, ovvero ricavato dalla fava non tostata: è un potente antiossidante ed energizzante ed è molto ricco di magnesio. Tre gli attrezzi essenziali nella cucina di un crudista: il frullatore, l'essiccatore (che non supera mai i 42 gradi) e il robot da cucina.

Crudismo sì, ma nessun estremismo. Questa la raccomandazione finale dello chef Vito Cortese: "Io stesso non sono un integralista. Se devo mangiare qualcosa che esula dal regime alimentare in cui credo, lo faccio assolutamente. L'importante è sempre ascoltare i bisogni del proprio corpo e trovare un equilibrio personale. E poi non bisogna nemmeno compromettere la vita sociale con regole troppo rigide: un bicchiere di vino o un boccale di birra d'estate sono perfetti per gustare un piatto crudista in compagnia".

 

LE RICETTE DELLO CHEF VITO CORTESE PER AFFARITALIANI.IT

 

Tartare di avocado e zucchi

BANNER

 

 

 

TARTARE DI AVOCADO E ZUCCHINE

Ingredienti: 2 zucchine, 1 avocado, 3 cucchiai di olio di oliva, 3 cucchiai di succo di limone, basilico q.b., cipollotto fresco q.b., mezzo cucchiano di sale

Preparazione: lavare accuratamente le zucchine e l'avocado, tagliare a cubetti e, in una ciotola, amalgamare bene con l'olio di oliva, succo di limone, basilico sminuzzato finemente, cipollotto fresco tritato e un pizzico di sale. Lasciare marinare tutti gli ingredienti per qualche minuto. Usare il coppapasta per preparare il piatto e servire decorando con una fogliolina di basilico fresco.

 

 

 

 

 

 

 

Tartufi al cioccolato

BANNER

TARTUFI AL CIOCCOLATO
 

Ingredienti: 1 ½ tazza di cacao in polvere, ¾ tazza di agave, ¼ tazza di latte di mandorla, ½ cucchiaino di vaniglia, ½ cucchiaino di sale, 1 tazza di burro di cacao misurato a secco, ½ tazza di olio di cocco

Preparazione: in una ciotola mettere a sciogliere il burro di cacao e l'olio di cocco.
Nel frullatore inserire il latte, l'agave, la vaniglia, il sale e far frullare a velocità minima.
Senza spegnere il frullatore aggiungere il cacao ed una volta mescolato per bene unire il burro di cacao e l'olio di cocco liquidi.
Versare in una ciotola, far raffermare in frigo per un paio di ore.
Formare i tartufi e rotolarli a piacimento in una granella di frutta secca o altri ingredienti in polvere come il cacao, la maca o della carruba.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
crudismovito cortesechefcrudo
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
L'80% degli automobilisti europei vogliono passare al Green

L'80% degli automobilisti europei vogliono passare al Green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.