A- A+
Coppie di... fato

Violenza fisica e psicologica subita da parte di parenti o partner? Personalità devianti e disturbate con le quali vi relazionate ? Difficoltà a gestire la conflittualità familiare derivante da maltrattamenti ? A darvi una mano su Affaritaliani.it "Coppie di... fato: vittime, crimini e misfatti in famiglia", la rubrica al servizio dei cittadini tenuta dalla dottoressa Cinzia Mammoliti, criminologa, formatrice e autrice del saggio in materia di violenza psicologica "I serial killer dell'anima" (ed. Sonda). Per contattare la nostra specialista e avere consigli e aiuto scrivete a: lettereallacriminologa@affaritaliani.it

 

RICHIESTA 
 
Cara Dottoressa

le scrivo perchè sono tormentata da un grande senso di colpa ma anche tanta rabbia.
A gennaio del 2011 conosco un uomo di 44 anni separato con due figli.Prima di me aveva convissuto per 10 anni con un'altra donna...che a suo dire lasciò perchè era diventata una donna smorta.Con i suoi due figli non aveva un bel rapporto perchè la madre li aveva messi contro....insomma una situazione particolare. Scoppia subito l amore tra di noi...l uomo ideale , premuroso, affettuoso mi riempiva di regali,di sms, di telefonate... ho subito conosciuto la sua famiglia e lui la mia.

Dopo due mesi resto incinta...naturalmente decido di portare avanti la gravidanza...lui molto entusiasta.... mi convinge ad andare subito a convivere...cosi sistemiamo casa....ed iniziamo la convivenza.Naturalmente io ero molto confusa perchè in tre mesi mi si è stravolta la vita e quindi ho seguito lo scorrere degli eventi....

Un bel giorno scopro che su un mobile della cucina c' era un MP3 acceso....quindi registrava quello che io facevo a casa...appena lo scopro chiamo subito lui che viene a casa e mi dice che lo aveva messo li per caso....nervoso me lo ruba dalle mani e va via di casa.Io inizio a sentirmi male....avevo la tachicardia ma lui se ne fregava...cosi chiamo mio padre che mi viene a prendere.....vado a casa dai miei e lui si arrabbia...il suo modo di fare non era per niente gentile....continuava a negare la storia dell mp3.Da li la storia va a rotoli....inizia ad inventarsi storie sul mio conto...asserendo che avevo tanti segreti, che avevo l amante e mette in dubbio anche la paternità di nostro figlio....chiaramente continuo a restare a casa dai miei, iniziavo ad avere un senso di paura verso di lui....

Mi ordina di smontare i mobili e di prendere tutta la mia roba...ed io acconsento.Da li l inferno...ingiurie, accuse di tutti i tipi e generi.. ma io continuavo a cercarlo a dirgli che lo amavo e di parlare tranquillamente di presenza e non mediante telefono come finora avevamo fatto....Era già passato un mese e lui non mi chiedeva mai come stavo e non era voluto venire dal ginecologo.Continuo a chiedergli di chiarire ma lui sempre molto superficiale....non veniva mai atrovarmi dai miei perchè diceva che loro lo avrebbero visto come l orco perchè io mi sfogavo con loro.Arriva il giorno del parto...alla 38 settimana mi vengono le contrazioni....vado in osp e subito in sala parto...in due ore partorisco un bel maschietto....le mie sorelle lo chiamano ma lui non risponde. Appena uscita dalla sala parto provo a chiamarlo io ...ma lui non risponde neanche a me....invio tantissimi sms ma niente.

L'indomani mattina mi chiama e riesce solo a dirmi perchè avevo partorito in anticipo.Insomma non è mai venuto a conoscere nostro figlio e quindi non lo ha riconosciuto.I suoi genitori sono venuto e mi assicuravano che lui sarebbe venuto è che era offeso perchè io lo avevo abbandonato a casa e visto che lui non rispondeva al cellulare ...mio padre sarebbe dovuto andare a casa sua a prenderlo.Appena dimessa dall ospedale lo imploravo di tornare insieme di venirci a prendere....ma lui niente diceva che ero una poco di buono ed una pazza....perchè non sarei dovuta andarmene.Dopo poco scopro che era ritornatao dalla sua ex ...cioè la terza, che io nn sapeva perchè lui non me ne aveva mai parlato....la lasciò quando conobbe me.....ma io ero ignara di ciò.Lui negava all inverosimile che era tornato dalla ex...tanto da minacciarmi di querela.Io continuavo a cercarlo.....mi mancava da morire.....mi sentivo e mi sento in colpa per essermene andata forse esagerando con la storia dell mp3...... Attualemnte lui sta ancora con questa donna sua coetanea, separata.....ogni tanto lo cerco e gli chiedo perchè ha abbandonato nostro figlio....ma lui non chiede mai sue notizie....mi dice solo che voglio soldi e se un giorno farò richiesta di riconoscimento mi denuncerà perchè sono incapace a fare la mamma perchè malata mentale.Sono tormentata da un forte senso di colpa....e non capisco tutta questa sua cattiveria verso di me...ed il bambino.Forse non mi ha mai amata??? Alessandra
 

RISPOSTA :

ed ecco uno di quei casi in cui un importantissimpo campanello d'allarme si presenta fin da subito ma viene, forse inconsciamente, ignorato dalla maggior parte delle vittime.  Si tratta del passato del carnefice. Occorre porre sempre una particolare attenzione quando si incontra in età matura un uomo che narra del proprio passato. Quando inizia a parlar male della precedente compagna, quando con questa dice di avere rapporti conflittuali,quando non va d accordo coi figli o sussistono problematiche di analoga portata varrebbe la pena di scavare più a fondo. La donna si ferma, invece, spesso a racconti vaghi e superficiali che paradossalmente la rassicurano inducendola a pensare che lei potrà ricoprire il ruolo di degna compagna  che la precedente non è riuscita ad essere. Mi ha sempre colpita molto il rilevare come le donne spesso sian poco solidali tra loro e di fronte a un uomo che si conosce appena preferiscano spesso credere ai suoi racconti piuttosto che dubitarne cercando di immedesimarsi nei panni della precedente partner.

Alessandra cade così nella trappola dell'uomo dedito e infinitamente premuroso che arriva in poco tempo a presentazione in famiglia, gravidanza e convivenza. Ma un bel giorno scopre che i suoi movimenti in casa eran registrati (un classico dei vampiri energetici utilizzare strumentazione di controllo per monitorare le vittime) e glie lo rivela mettendolo con le spalle al muro. Ed ecco la metamorfosi. Una volta scoperti non hanno più bisogno di fingere e vengon fuori per quello che sono realmente: paranoici con delirio di controllo e manie di persecuzione che alterano la realtà e proiettano sugli altri i loro disturbi. Ignora il proprio figlio e l'abbandona a se stessa dandole anche della poco di buono e della malata mentale. Lui intanto è scappato a rifugiarsi tra le braccia di una terza donna (non pervenuta) pronta a consolarlo per i "pesantissimi" torti subiti da lei. Ma chi é questa nuova signora ? Sarà al corrente della sua esistenza e di quella della precedente ? Non lo sapremo mai. Sicuramente il "furbo" conduceva chissà da quanto tempo più vite parallele. Ma la cosa più inquietante é che in tutta questa storia a sentirsi in colpa é lei. Pensi se non fosse venuta fuori la storia dell'MP3. Ha corso il gravissimo rischio di far crescere suo figlio da un malato di mente pericoloso. E'stata fortunata mia cara, ringrazi la sua buona stella.

Cordialmente
Cinzia Mammoliti

www.cinziamammoliti.it

Tags:
energiacoppiadebolezza

i più visti

casa, immobiliare
motori
Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.