I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Coppie di... fato

Violenza fisica e psicologica subita da parte di parenti o partner? Personalità devianti e disturbate con le quali vi relazionate ? Difficoltà a gestire la conflittualità familiare derivante da maltrattamenti ? A darvi una mano su Affaritaliani.it "Coppie di... fato: vittime, crimini e misfatti in famiglia", la rubrica al servizio dei cittadini tenuta dalla dottoressa Cinzia Mammoliti, criminologa, formatrice e autrice del saggio in materia di violenza psicologica "I serial killer dell'anima" (ed. Sonda). Per contattare la nostra specialista e avere consigli e aiuto scrivete a: lettereallacriminologa@affaritaliani.it

 

DOMANDA:

Buonasera dottoressa,

le scrivo per raccontarle la mia storia. Dopo 11 anni sono riuscita a chiudere una relazione con un uomo che per i primi 6 anni è stato meraviglioso per gli altri 5 mi ha delusa e tradita ripetutamente. Esasperata dal suo comportamento finalmente con grande dolore, lacrime e notti insonni sono riuscita, mesi a fa, a lasciarlo definitivamente aiutata anche del fatto che nella mia vita era entrato un altro uomo. Si tratta di un uomo che conoscevo da un paio di anni, quando l'ho ritrovato e ho deciso di conoscerlo meglio, raccoglievo pezzi di me sparsi un po' dovunque. Lui mi ha colpito perchè, al contrario dell'altro, sapeva ascoltare, aveva voglia di parlare, di raccontarsi. Il suo lavoro lo porta in giro per il mondo, è un attore, la sua sensibilità mi sembrava intensa, piano piano tra di noi è nato qualcosa di profondo, un 'intesa che andava al di là di ogni altra cosa. Anche per il fatto che fisicamente, quando l'avevo rivisto, non mi era piaciuto per niente. Al punto che ogni volta che avevo la sensazione che lui volesse avvicinarsi io mi allontanavo. Stranamente, poi, lui non si era fatto più vivo e questo aveva acceso il mio interesse fino a che non ero stata io a ricontattarlo e a coinvolgerlo. Nel frattempo lui era partito per l'a Francia, quindi per un mese abbiamo solo parlato al telefono o via Skype. Parlavamo per ore ed ore, raccontandoci di noi, delle nostre speranze, dei nostri dolori, di come, entrambi, avremmo voluto incontrare una persona con la quale invecchiare serenamente (abbiamo entrambi più di 50 anni). Mi sono innamorata, o così mi è sembrato, di una voce narrante, di un'anima attenta, di un essere che, finalmente, ricambiava perfettamente quello che provavo. Anzi mi precedeva e mi coinvolgeva sempre più. Le sue attenzioni mi stupivano, i gesti d'amore li avevo dimenticati, l'ansia, lo smarrimento, l'attesa, sono state sensazioni che abbiamo condiviso in ogni attimo. Desiderare di vederci è stato quindi naturale. Lui mi ha proposto di raggiungerlo una settimana a Lione, dove si sarebbe fermato per lavoro in luglio, ma per non aspettare tanto tempo a fine maggio mi ha proposto anche un week end ed è venuto a trovarmi nella mia città. "Sarà l'inizio di una nuova vita per noi?" mi chiedeva prima di partire e nel frattempo annunciava il nostro incontro agli amici, mandava le mie foto ai suoi genitori, programmava le vacanze insieme a fine agosto a casa sua in Sardegna. Arriva nella mia città in un pomeriggio magico e assolato, io cammino a dieci centimetri da terra. Trascorriamo così quell'unica notte e quell'unico giorno che gli sono concessi dal lavoro. La notte è bellissima, l'affiatamento sessuale indicibile, erano anni che non facevo l'amore con un uomo che non fosse il mio ex e glielo ho anche detto, non pensavo di stare così bene con qualcuno. La mattina dopo è stato ancora amore e amore, poi una passeggiata, un bagno in piscina, una colazione e lo riporto in aeroporto. Con un po' in ansia per un sesto senso che mi diceva che le cose non erano poi così perfette. A tarda sera, arrivato a Lione, mi manda un sms in cui mi dice che sono state 24 bellissime e che a lui non bastano di certo, mi chiede se sono d'accordo. Ovviamente rispondo di si!. Poi dal giorno dopo scompare. Aspetto cinque lunghissimi giorni, pensando che magari ha bisogno di tempo, divorata dall'ansia, dall'incertezza. Penso che forse il nostro incontro l'ha turbato, poi finalmente gli scrivo una e mail chiedendogli il perchè del suo silenzio, mostrandomi disponibile a capire, a parlare, anticipandogli che se lui aveva dubbi potevo anche strappare il biglietto di andata e ritorno da Lione dove avrei dovuto raggiungerlo di lì a poco. Ed ecco la doccia fredda: " so bene cosa voglio e non è certo quello che abbiamo vissuto; Lione? tra noi non può esserci altro che una semplice amicizia quindi meglio far passare un po' di tempo". Ma come? Mi chiedo - non ha fatto che ripetermi tutte le dolcezze del mondo mentre facevamo l'amore.... ha detto che dopo quella sera sarebbe stato solo mio, che era orgoglioso di stare con me, che ero una donna speciale...Ci siamo detti che se fosse andata male saremmo stati sinceri e rimasti amici, ce lo saremmo detto subito e il biglietto non l'avrei certo buttato perchè sarei potuta andare comunque a Lione, avrei solo dormito nell'altra stanza invece che con lui. Questi erano gli accordi che avevamo preso. Mi chiedo: è bipolare? è narciso? è spaventato? cosa gli è successo dal momento che mi ha detto nel messaggio che le 24 ore erano state bellissime? devo considerare la sua sparizione uno scampato pericolo? eppure non penso che a lui, spero che si tratti di paura e che prima o poi si accorga di avere sbagliato e mi chieda scusa, che ritorni. Sarei felice se lei mi dicesse cosa ne pensa,

Lucia

RISPOSTA :

Mi spiace per il suo smarrimento e sconforto cara Lucia, ma purtroppo di uomini che non valgono nulla in giro ce ne sono tanti. Credo lei sia incappata in uno di questi.... Giustificarlo con eventuale patologia ritengo sia addirittura nobilitante per un soggetto di questo genere. Ritengo si tratti, infatti, solo di un gran furbo che probabilmente ha fatto il passo più lungo della gamba ed essendo impegnato da qualche altra parte ora batte in ritirata. Sempre che il sistema non sia ampiamente rodato e corrisponda a uno schema che il losco figuro replica pedissequamente mietendo vittime in giro per il mondo. Volti dunque pagina, cara, non vale un minuto del suo tempo.

Un cordiale saluto

Cinzia Mammoliti

www.cinziamammoliti.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
narcisistaspaventatoserial killer
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.