ExpoMania

di Silvia Davite

A- A+
ExpoMania

Diciannovesimo appuntamento con ExpoMania, la rubrica di  Affaritaliani.it che intende raccontare in modo non convenzionale esponenti della classe dirigente locale, nazionale e internazionale per raccontare i progetti concreti a cui lavorano: giovani anagraficamente, di testa o per il ruolo che occupano. Filo conduttore di questi incontri è Expo 2015, perché proprio da Expo2015 parte il riscatto delle comunità a tutti i livelli. Un riscatto economico, sociale, culturale.

“... Ma qual'è la pietra che sostiene il ponte? -chiede Kublai Can -Il ponte non è sostenuto da questa o da quella piestra -risponde Marco Polo -Ma dalla linea dell'arco che esse formano.  Kublai Can rimase silenzioso; riflettendo. Poi soggiunse: perchè mi parli delle pietre? E' solo dell'arco che mi importa. Polo risponde: -Senza pietre non c'è arco…”

Mentre giriamo per Arona in attesa di incontrare il Sindaco per la nostra intervista settimanale è un passaggio de Le città invisibili di Calvino che ci passa per la mente: Arona amministrata da Alberto Gusmeroli, giovane di testa per antonomasia, eletto nel 2010 con due liste civiche trasversali e l’appoggio della Lega Nord, è esattamente questo, una città sapientemente coordinata in cui tutti si impegnano a sostenere l’armonia dell’arco.

Alberto 3

 

Sindaco Gusmeroli, cambiare una città è dunque come costruire il ponte di Marco Polo?

Effettivamente sì, è un bel paragone … è' una grandissima sfida che abbiamo iniziato nel 2010 e che sicuramente stiamo vincendo. Tutto quello che accade ad Arona è stato ed è possibile solo perché abbiamo considerato prioritario il coinvolgimento di tutta la città, persona per persona, in questo ci siamo impegnati fin dal primo giorno e la città ha risposto perchè si è sentita fin dall'inizio protagonista di un progetto di governo e di trasformazione del territorio.

Qual è l'arco che tiene insieme tutte le pietre del “ponte” di Arona?

In modo netto, due cose. Sostanza e Metodo. Sostanza: non abbiamo fatto catastrofismo sul bilancio del Comune e non ci siamo mai pianti addosso; al contrario, noi abbiamo aggredito il patto di stabilità, lo abbiamo gestito e migliorato nell'utilizzo dei numeri di Bilancio, abbiamo usato la tecnica attraverso il rimborso dei mutui, il taglio della spesa, le operazioni di leasing fino all'applicazione dei costi standard nel rinnovo degli appalti con grandissimi risparmi come, ad esempio, per l'assistenza domiciliare, che a parità di servizio e retribuzione ha prodotto un risparmio di oltre 60.000 euro. E ancora una serie elevatissima di risparmi e ottimizzazione dell'entrate, il tutto senza mettere nuove tasse.

Quindi primo passo mettere in ordine i conti del Comune?

Esatto, e a partire da me, nessuno della Giunta ha mai smesso, dalla campagna elettorale che ci ha portato a vincere sino ad oggi, di svolgere il proprio ruolo con passione, gusto degli altri e determinazione. A partire da me, ciascuno della Giunta è orgoglioso e si diverte nel svolgere il proprio ruolo senza pensare ad altro né a qualsivoglia incarico futuro. I momenti difficili ci sono stati e ci saranno … ricordo quando per ridurre le spese abbiamo mandato a casa il capo di gabinetto, il difensore civico e abbiamo deciso di togliere al Sindaco e agli Assessori i rimborsi per ristoranti, spese telefoniche, carburante o auto. Usiamo tutti il nostro  cellulare personale, la nostra auto e ci paghiamo autonomamente i pasti visto che se non fossimo amministratori a mangiare comunque dovremmo mangiare, a muoverci comunque dovremmo muoverci, a telefonare comunque dovremmo telefonare. 

Alberto 2

 

E questa settimana avete pure approvato la norma per azzerare gli aumenti Tares mantenendo nei fatti il regime TARSU, che cosa riceveranno i cittadini da pagare in sostanza?

“Si da martedì in Gazzetta ufficiale è pubblicata la norma che permette il ritorno alla Tarsu, la vecchia tassa che senza dubbio è meno onerosa della Tares … dalle nostre proiezioni avevamo cittadini che avrebbero visto triplicato il valore economico richiesto, non potevamo permetterlo come filosofia della nostra amministrazione e come fase delicata che tutti quanti viviamo.”

Come avete fatto?

“E’ da Settembre che ci lavoriamo studiando l’applicazione della norma che il Parlamento ha continuato a modificare più volte. Grazie al team che ha collaborato con me (ndr. Il Sindaco è commercialista) la dottoressa Anna Bodio e il ragionier Maurizio Luongo ci siamo riusciti. Siamo riusciti a eliminare gli aumenti e si dovrà pagare in più rispetto al 2012, solo i 30 centesimi per mq da versare allo Stato. Contro la crisi abbiamo realizzato un esempio di economia applicata al sociale. Come ho detto prima tutto ciò è stato possibile perché sin dal primo giorno ci siamo posti il problema di rimettere in ordine i conti, liberare le risorse bloccate ed utilizzarle per realizzare opere in città. Il patto non corrisponde solo a soldi veri, ma a benefit e opportunità che abbiamo colto.” 

Opere in città … recupero urbanistico come fattore di sviluppo quindi?

“Senza dubbio. Prima esistevano tre parti della città inutilizzate o abbandonate al degrado. Il LIDO, chiuso e abbandonato da 15 anni pari a 15.000 metri di terreno che dal 26 maggio 2011, dopo un'azione tenace e direi anche coraggiosa, è tornato balneabile. La ROCCA BORROMEA, chiusa da un decennio e lasciata all'oblio, riaperta il 10 settembre 2011, è un'area di 50.000 metri quadri  tornata agli aronesi e non solo. Siamo riusciti in una vera e propria impresa: riunire insieme famiglia Borromeo, Fondazioni, Enti pubblici e finanziatori privati oltre a tanti volontari che hanno lavorato per la città. La terza area è quella di METROPARK pari a 10.000 metri quadrati, un parcheggio in centro rimasto per anni deserto anche il sabato e la domenica, in una città bisognosa di parcheggi. La nostra amministrazione lo ha acquisito e lo  ha reso finalmente fruibile gratuitamente.”

Alberto 1

 

Veniamo ad Expo2015 che giudizio si è fatto lei?

“Expo è veramente una grande occasione per tutti … sono molto ammirato dal lavoro preziosissimo e quotidiano  di Giuseppe Sala, la sua sfida è la sfida di tutti noi. Expo rappresenta per amministratori, imprese, associazioni, cittadini la spinta a riorganizzarsi e a reagire come comunità ad una situazione di difficoltà economica complessiva. Dobbiamo tutti prepararci per Expo senza troppe richieste e lamentele ma liberando creatività, sinergie e organizzazione: in fondo l’area Expo è l’intero nostro territorio, la capacità che abbiamo e che avremo nei prossimi mesi di “andare per il mondo”.”

Che cosa intende precisamente?

“ Vedi per me Expo è la capacità di portare a compimento uno sforzo di organizzazione di eventi poli attrattivi, un percorso che da qui a Marzo del 2015 ci deve tutti portare a  realizzare una vetrina costante di ciò che è il nostro paese, cultura, turismo, saper fare e – aggiungo- saper preparare città attraenti per o0ganizzazione, arredo urbano, accoglienza e ricettività.”

Un esempio concreto?

“A Settembre siamo riusciti a portare ad Arona il Gran Premio del Mondo di motonautica offshore, il campionato dell’Uim Skydive Dubai Xcat world series, che ci ha permesso di far conoscere Arona in tutto il mondo. L’evento, giusto per dare qualche numero, è stato seguito da oltre 252 milioni di passeggeri sulle linee aeree del circuito Emirates. Senza dubbio insieme alla riapertura della Rocca Borromea e del Lido è la cosa che ho realizzato di cui vado più orgoglioso.”

E la cosa che ama di più in assoluto?

“Assistere nella mia città, nel territorio che amo ad una rinascita di partecipazione, senso civile, riscatto a cui tutta la comunità è impegnata a dare il suo contributo … Le garantisco che è qualcosa di molto bello.”

Tags:
expomania
in evidenza
House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

Lady Gaga guida un cast stellare

House of Gucci, guarda il trailer
Jared Leto irriconoscibile. FOTO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.