ExpoMania

di Silvia Davite

A- A+
ExpoMania

 

EXPO MANIA 2 500

Ed eccoci con il decimo appuntamento di ExpoMania, la rubrica di Affaritaliani che intende raccontare in modo non convenzionale esponenti della classe dirigente locale, nazionale e internazionale, per esporre le idee, gli stili di vita e i progetti concreti a cui lavorano le giovani leve che decidono, agiscono e immaginano il futuro: giovani anagraficamente, di testa, nel ruolo che occupano. Filo conduttore di questi incontri è Expo 2015, perché proprio da Expo2015 parte il riscatto delle comunità a tutti i livelli. Un riscatto economico, sociale, culturale.

Questo week end incontriamo Anita Pirovano da poco eletta coordinatrice milanese di SEL e siamo felici di debuttare con lei nelle interviste alla politica perchè Anita, per il suo profilo, rappresenta esattamente l’inversione di prospettiva che chi scrive ritiene necessaria affinché la politica recuperi concretezza tempestività e funzione reale di trasformazione delle condizioni di vita dei cittadini.

Anita ha 30 anni, brianzola di nascita, oggi vive a Milano, non lontano dal quartiere Isola. Anita dirige a Milano Sinistra Ecologia e Libertà dopo una laurea e un dottorato in Psicologia Sociale conseguiti alla Bicocca con una tesi che rappresenta da sola un programma politico “Da paesi lontani a vicini di casa”. Ma non finisce qui la sintesi del suo profilo: per anni lavora all’Arci in Corvetto, uno dei quartieri popolari più complicati della città e lì sperimenta il suo ruolo operativo nella mediazione dei conflitti tra abitanti di uno stesso cortile …

“Lavorare all’Arci mi ha senz’altro insegnato moltissimo e l’esperienza concreta della costruzione di accompagnamento sociale in un quartiere popolare è la palestra migliore per chi vuol fare oggi politica: niente fronzoli ma conflitti che esplodono tutti i giorni e tu sei lì e devi risolverli senza sofismi, ideologie o ingenuità. E’ nei quartieri popolari che i processi di emigrazione producono i conflitti maggiori: questo è fuor di dubbio! E non aiuta il tipo di riqualificazioni a macchia di leopardo; non aiuta che Aler intervenga da cima a fondo in un caseggiato e in quello accanto nemmeno sostituisce le serrature delle porte; non aiuta vedere che laddove è ristrutturato esternamente, dentro negli appartamenti il degrado regna ancora sovrano” (* ndr la riqualificazione soltanto di alcuni immobili del Corvetto avviene sotto la Giunta Moratti grazie allo strumento dei contratti di quartiere finanziati dal Governo Berlusconi e dalla Regione Lombardia di Formigoni ed è passata alla cronaca per note vicende su cui Regione Lombardia all’epoca riuscì finalmente a far chiarezza dopo innumerevoli denunce dei comitati inquilini del quartiere e un intenso lavoro del Consiglio Comunale di allora).

 

EXPO MANIA 1 500

Si di questo siamo convinti anche noi di ExpoMania: i quartieri popolari devono tornare ad essere i quartieri dei lavoratori e non le aree della città in cui scaricare tutti i problemi secondo la logica sbagliata di chi pensa” ti ho dato una casa, ho la coscienza a posto e ora di come vivi  mi disinteresso”. Devono tornare ad esserlo ma ancora non lo sono dopo due anni di nuova amministrazione, facciamolo un bilancio di questi anni con Pisapia, come ti sembra?

“Pisapia ancora oggi rappresenta il vero governo di Larghe Intese altro che quello a Roma. E noi le larghe intese siamo a riusciti a costruirle con i centri sociali, il ceto medio - alto milanese e il mondo delle professioni. Fu questa innovazione, a cui SEL ha contribuito fortemente, a generare quasi senza preavviso, quelle attese di cambiamento che la città ha poi concretizzato con il voto di due anni fa. Fu un processo dal basso, di apertura e non certo una dinamica semplicistica con cui Milano cercava la soluzione salvifica, l’uomo con la bacchetta magica. Milano è concreta, laboriosa e non si fa illusioni: sa che i problemi non si risolvono in un istante. Ecco oggi dobbiamo attingere con nuova linfa a quelle stesse attese di cambiamento ed esse stesse devono rappresentare in modo protagonista la soluzione ad una fase difficile per la città.

A che cosa ti riferisci?

“Milano si trova oggi sotto la spada di damocle del Patto di stabilità che strozza le amministrazioni locali e ne comprime fortemente le capacità di governo. E’ un problema serissimo per tutti i comuni che rappresentano l’avamposto della democrazia e se non sei messo in condizione di lavorare è ovvio che per salvaguardare il welfare, soprattutto in crisi economica, sei obbligato ad intervenire sul binomio tariffe/tasse. E bada bene è una strada, quest’ultima, che non mi piace per nulla: non sono per i servizi pubblici gratuiti, ma nemmeno per l’aumento di tariffe e tasse in un momento così difficile! Si alla progressività nelle tariffe ma no ad ulteriori aumenti!”

Ok d’accordo però Milano è anche la citta’ di Expo, un’occasione da sfruttare o no secondo te?

“Certamente! Ma non prendiamoci in giro, non è svincolando Expo dal Patto di Stabilità che risolviamo oggi i problemi di tanta gente in difficoltà … è un inizio senza dubbio, ma non è sufficiente. Occorre che il nostro Sindaco Pisapia assieme a tutta l’Anci rilanci una pressione forte e costante sul governo per allentare sostanzialmente i vincoli del Patto di Stabilità e del pareggio di bilancio. Detto ciò Expo2015 è per Milano una necessità come lo è l’acqua pubblica,un’occasione fondamentale in una congiuntura di produttività ed occupazione difficilissima. E tuttavia ho una forte preoccupazione: che proprio la situazione d’emergenza sociale ed economica che stiamo vivendo, diventi il pretesto per cedere governance pubblica sul dopo expo e ritrovarci, come purtroppo tante altre volte in passato, ad un evento di cui finiscono per beneficiare in molto pochi e magari pure sempre i soliti.”

Quali sono le priorità per SEL sul Expo?

“Innanzitutto molta attenzione alle grandi e piccole opere perché occorre vincere la sfida dello sviluppo che Expo porta con sé battendo la criminalità organizzata che tenterà di infiltrarsi per i propri loschi affari. L’Amministrazione Pisapia ha cominciato a fare la sua parte istituendo la Commissione Antimafia ma altri strumenti andranno individuati per essere efficaci sul punto. Registro che il Governatore Maroni come suo primo atto ha nominato il Prefetto Lombardi a commissario Aler, quello che disse che la mafia in Lombardia non esiste… e come secondo atto la Regione ha tagliato i fondi all’ARPA che proprio dalla qualità ambientale e da indagini e controlli sul tema, rappresenta uno strumento fondamentale per arrestare infiltrazioni illegali. Onestamente sono allibita.”

Per il resto…?

“Quanto ai contenuti della manifestazione sono profondamente convinta che gli stessi debbano assumere importanza all’interno delle politiche del Governo, della Regione e dell’ Amministrazione Comunale: la valorizzazione della biodiversità, della produzione agricola a km zero e dell’agricoltura in generale devono diventare cardini di una politica di sviluppo del territorio locale e non solo. Penso ad esempio al lavoro che il Comune sta compiendo nel Parco Sud dove non sono poche le esperienze di giovani che proprio nell’agricoltura in loco trovano fonte di reddito e soddisfazione. Ecco questi modelli vanno moltiplicati e messi in rete perché siano una sorta di nuovo distretto dei piccoli agricoltori e del cibo etico. Anche così costruiamo l’Expo diffuso, anche così non ne facciamo solo una vetrina. E poi il turismo: va rilanciato! Francia e Svizzera stanno già attivando pacchetti turistici per portare visitatori almeno per 3 giorni qui durante la manifestazione … noi che aspettiamo? Va immediatamente messa in rete l’offerta complessiva di Ostelli e valorizzata perché per una volta dobbiamo riuscire ad avere un turismo di massa e non solo quello d’affari. Ecco perché la rete degli ostelli a buon mercato.”

Area Metropolitana SI o NO? “assolutamente SI ed è il caso che si cominci a disegnarne fattivamente il contenuto valorizzando il ruolo dei sindaci e non lasciando che sia solo un processo burocratico. Fra l’altro è lo strumento unico per un completo riscatto delle periferie attraverso la redistribuzione di funzioni nella Città Metropolitana e la creazione di un sistema policentrico. Ovviamente la Città Metropolitana deve essere eletta direttamente dai cittadini, a cominciare dal suo Sindaco.”

Le tre cose che ami di più? “La politica, giocare a calcio, sono portiere in una squadra femminile, e divertirmi il più possibile … ho la fortuna che con la politica mi diverto moltissimo”

I tre progetti che hai realizzato di cui vai orgogliosa? “l’aver contribuito fin dalle primarie alla vittoria di Pisapia; l’essere riuscita sempre a dedicarmi con impegno in cose di cui capisco il senso, che sento mie e in cui credo; l’essere riuscita con tutta la squadra di SEL Milano a meritarci la Festa Nazionale SEL proprio qui da noi al Carro Ponte dal 20 al 29 Luglio con artisti del calibro di Patty Smith, con dibattiti come quello di  Pisapia / Marino e con la cucina organizzata con esperienze del Km zero ben appunto. E’davvero un grande onore per me poter fare gli onori di casa.”

Tags:
expomania pirovano
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena


casa, immobiliare
motori
BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3

BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.