I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Accertamento Iva nullo senza confronto preventivo

È nullo l’avviso di accertamento ai fini Iva se il Fisco emette l’atto senza prima ascoltare le ragioni del contribuente.

Ciò è quanto emerge da una recentissima pronuncia della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia (sent. n.750/17/2018, depositata il 22/02/2018 Presidente: Dott. Filippo LamannaRelatore: Dott. Fabrizio Scarzella; liberamente visibile su www.studiolegalesances.it – sez. Documenti) nella quale si chiarisce che “l’Amministrazione finanziaria è gravata esclusivamente per i tributi <<armonizzati>> di un obbligo generale di contraddittorio endoprocedimentale, pena l’invalidità dell’atto …”.

Nel caso di specie, la contribuente –  operante nel settore della ristorazione – oltre a contestare le metodologie di accertamento operate dall’Ufficio,eccepiva l’illegittimità dell’accertamento Iva proprio perché relativo a un tributo dell’Unione Europea e come tale rientrante tra quelli che godono delle garanzie riconosciute dalla Corte di Giustizia della UE (cd. tributo “armonizzato”).  

In particolare, la contribuente rilevava come i giudici Comunitari avessero da tempo posto a base del procedimento  tributario  il diritto al contraddittorio (si veda Sent. del 18 dicembre 2008, causa C-349/07 della Corte di Giust. CE, Seconda Sez. - Pres. Timmermans, Rel. Bonichot). 

È importante far presente, infatti, come la  Corte di Giustizia preveda esplicitamente  il  diritto  al  confronto preventivo tra Fisco e contribuente“ogniqualvolta l’amministrazione si proponga di adottare nei confronti di  un soggetto un atto ad esso lesivo”.

Ciò ha trovato il supporto anche della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.19667 del 18/09/2014, secondo la quale “… la pretesa tributaria trova legittimità nella formazione procedimentalizzata di una <<DECISIONE PARTECIPATA>> mediante la promozione del contraddittorio (che sostanzia il principio di leale collaborazione) tra amministrazione e contribuente (anche) nella <<fase precontenziosa>> o <<endo-procedimentale>>, al cui ordinato ed efficace sviluppo è funzionale il rispetto dell'obbligo di comunicazione degli atti imponibili. Il diritto al contraddittorio, ossia il diritto del destinatario del provvedimento ad essere sentito prima dell'emanazione di questo, realizza l'inalienabile diritto di difesa del cittadino, presidiato dall'art. 24 Cost., e il buon andamento dell'amministrazione, presidiato dall'art. 97 Cost.”.

Alla luce di tali principi, si ritiene sicuramente opportuno che il nostro legislatore si adoperi per far sì che tutti gli accertamenti fiscali possano essere emanati solo a seguito di un corretto confronto con il contribuente, in modo da evitare spiacevoli differenze di trattamento (ad oggi, infatti, alcuni accertamenti vengono emessi senza convocare il contribuente altri richiedono il contraddittorio preventivo).

 

Dott. Fabrizio Pericoli

Avv. Matteo Sances

 

Commenti
    Tags:
    #accertamentoiva #accertamentonullo #fisco
    in evidenza
    Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

    Calcio e tv... bollente

    Carolina Stramare va in gol
    L'ex Miss Italia sfida Diletta

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

    Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.