Lavoro vero

a cura della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro (nella foto il presidente Rosario De Luca)

A- A+
Lavoro Vero
Calderone: "Ok alla semplificazione, ma dubbi sul bonus Irpef"

In un momento che sembra preludere a grandi cambiamenti per il mondo del lavoro, ascoltare chi ne ha fatto una ragione di vita professionale è certamente utile per fare chiarezza su alcuni dubbi. Il decreto legge 34/2014 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e comincia il suo percorso parlamentare; invece il disegno di legge che conterrà ulteriori novità è ancora in fase di gestazione; mentre nel mese di maggio è previsto un bonus Irpef per i lavoratori dipendenti. Marina Calderone, presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro, ha risposto ad alcune nostre domande.

Presidente Calderone, cosa ne pensa delle ultime novità in materia di lavoro?
Sono ispirati a una corretta filosofia di semplificazione e di svincolo da regole troppo rigide. Posso dire che per la prima volta si ha un ritorno ai principi ispiratori della legge Biagi, ultimo provvedimento utile in materia. Sia in materia di contratti a termine che di apprendistato sono state introdotte misure che rendono i due istituti più facilmente applicabili, anche se bisognerà verificare come si muoveranno le Regioni...

Quindi, non ritiene entrino subito in vigore?
Per quanto riguarda le nuove regole del contratto a termine, certamente sì. È un decreto legge quindi sono già in vigore, salvo il caso in cui in fase di conversione vengano apportate modifiche. Diverso è il caso per le altre norme previste, a cominciare dall'apprendistato.

Ce lo spieghi meglio...
La competenza per la formazione professionale è stata assegnata in via esclusiva dal 2001 alle Regioni con la Riforma del titolo V. Il testo del decreto legge sul punto non è chiarissimo. Il rischio del conflitto di competenza è dunque molto alto. Certo che se il Governo mettesse mano alla riforma costituzionale dell'art. 117, il Paese ne avrebbe solo benefici.

E le altre novità normative entrano in vigore?
Non subito, considerato che quanto previsto per contratti di solidarietà e durc on line è rimandato ad una disciplina ulteriore con decreti interministeriali. E a proposito di Durc , dico però che metterlo in linea non si risolve i problemi esistenti a monte del rilascio. Se non saranno variate le procedure gestionali dell'Inps, si continueranno ad avere archivi non aggiornati e quindi posizioni non corrette. Con riflessi negativi sul rilascio del Durc. Su questo ci vuole una forte presa di posizione del Governo.

Fin qui i contenuti delle norme approvate. Ma sono state annunciate anche altre misure in materia di lavoro...
Mi sembra corretto approfondire le norme pubblicate, quindi quelle ufficiali. Stessa cosa non si può fare in assenza di una legge. Le dichiarazioni fatte in sede di conferenza stampa si possono solo commentare per la filosofia di base. Certo che se il Governo contrasterà efficacemente la burocrazia, gli sprechi e le ingiustizie andrà sulla strada giusta. Mi attendo, oltre che al bonus per i lavoratori dipendenti, qualche provvedimento molto incisivo in favore della Pmi. Se non ripartono, non ci saranno nuove assunzioni. Il lavoro dipendente non genera altro lavoro dipendente, che invece arriva dal lavoro autonomo.

A proposito di lavoratori dipendenti, abbiamo letto qualche vostra perplessità sulla quantificazione del bonus previsto per maggio...
Anche in questo caso non ci sono riscontri numerici precisi. Ci dobbiamo attenere dunque a quanto dichiarato in conferenza stampa. Il grande dubbio riguarda la fascia dei c.d. incapienti, cioè i lavoratori che percepiscono fino a 8mila euro all'anno. Se il bonus spetterà anche a loro, il totale degli aventi diritto lievita fino a circa 14 milioni di lavoratori. In tal caso la dotazione da distribuire, dichiarata pari a 10 miliardi, sarà insufficiente ovvero dovrà essere ridotta la cifra singolarmente spettante. Ma questo, come il resto delle dichiarazioni, lo valuteremo quando ci saranno i provvedimenti normativi.

Tags:
consulenti del lavorolavoro

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes partnership con Phi Beach

Mercedes partnership con Phi Beach


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.