A- A+
Lingua lunga
De Cesaris, cosa (non) lascia la vicesindaco di ferro. Il commento

Era l’unico modo per dimostrare la sua esistenza in vita (politica). E l’ha scelto, si è dimessa. Non che fosse assente dalle partite di giro dell’amministrazione Pisapia. Ada Lucia De Cesaris ha fatto realmente le veci del sindaco, in tutte le più importanti decisioni. E ha litigato con tutti, pur di far valere il suo punto di vista. Ma non basta alzare la voce per fare politica e mietere consensi. Così non se l’è filata nessuno nella corsa alla successione a palazzo Marino. Non l’ha fatto il sindaco, troppo impegnato a celebrare i suoi 4, 5 anni di regno del bene (o male). Non l’ha fatto il Pd, amato e odiato dalla De Cesaris, impegnatissimo a smontare le primarie destinate a incoronare Majorino. E ora sono tutti sorpresi e sconcertati. Ma passerà presto. Perché il vicesindaco di ferro non lascia molto alle sue spalle: qualche nemico e molte macerie.

Tags:
lucia ada de cesarispalazzo marinogiuliano pisapia
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.