A- A+
Lingua lunga
Milano (e Roma e Napoli): a volte lo Stato è nemico. Commento
Gianluca Mereu

A volte lo Stato è un nemico. A Milano ha voltate le spalle a un ragazzo incensurato che, dopo una notte tutta da verificare, ha dato in escandescenze e ha aggredito i genitori. L’hanno portato in questura per accertamenti. E lui si è gettato dal terzo piano, uccidendosi. Chi doveva e poteva aiutarlo l'ha abbandonato ai suoi fantasmi. L’assassino dell’orefice di via dei Gracchi a Roma, arrestato e portato a Regina Coeli si è impiccato in cella. C’è chi ha fatto della propaganda funebre ma la realtà è che, anche qui, lo Stato, dopo avere fatto il suo dovere catturandolo, ha girato la testa dall’altra parte e l'ha lasciato in preda alle sue angosce. In provincia di Napoli un anziano (86 anni) è stato operato al femore, ordinaria amministrazione. Peccato che i sanitari abbiano sbagliato gamba. Non ha retto al secondo intervento, quello “riparatore”, ed è morto poco dopo. Milano, Roma, Napoli. Quando lo Stato diventa un nemico.

Tags:
gianluca mereuquestura di milano
in evidenza
Formazione continua e lavoro Ecco come superare il mismatch

La visione di Fondo For.Te.

Formazione continua e lavoro
Ecco come superare il mismatch


in vetrina
E.ON, inaugurato impianto fotovoltaico alla Scuola Germanica di Milano

E.ON, inaugurato impianto fotovoltaico alla Scuola Germanica di Milano


motori
Debutta la quinta generazione di Doblo, anche elettrico

Debutta la quinta generazione di Doblo, anche elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.