Non Sprecare

a cura di Antonio Galdo
www.nonsprecare.it

A- A+
Non sprecare

Nuova puntata della rubrica di Affaritaliani.it in collaborazione con www.nonsprecare.it Vuoi non sprecare? Scrivi e chiedi consiglio ad Antonio Galdo: angaldo@gmail.com

Di Antonio Galdo

L'allarme dell'Istat è secco: crolla la spesa degli italiani. Il reddito scende, i risparmi diminuiscono e 7 famiglie su 10 riducono gli acquisti quotidiani, a partire da quelli dei generi alimentari per i quali ogni famiglia italiana spende, in media, 477 euro al mese. Intanto la Coldiretti lancia la campagna del tutor per fare la spesa, una sorta di consulente ti può aiutare a risparmiare. Ma forse non c'è bisogno di una persona esterna: si possono fare molti risparmi sulla spesa partendo da alcune regole d'oro.

1 - È molto utile preparare una lista secondo le reali necessità e consumi.

Ecco qualche idea per non sprecare il cibo già cucinato che ci ritroviamo in frigo a fine serata. L’arrosto, ad esempio, se ridotto in tanti piccoli filamenti, diventa l’ingrediente base delle polpette al posto della carne macinata (magari accompagnandole ad alcune verdure avanzate, come patate o piselli) da riporre in freezer fino al momento del consumo. La pasta avanzata si trasforma in timballi o frittate. Vale anche per i tortellini che avete cotto nel brodo, basta sgocciolarli per bene prima di riutilizzarli per la nuova ricetta. Il salmone affumicato che è servito per gli antipasti diventa il condimento per un primo piatto o per un’insalata ricca. Le verdure potete trasferirle in un mixer e frullare il tutto fino a creare una cremosa e gustosissima vellutata. La frutta secca servirà per condire le insalate, guarnire dolci e biscotti e preparare pesti da aggiungere a primi piatti.

2 - Scegliere i mercati e supermercati dove possiamo trovare varietà e prodotti freschi, di stagione e del territorio.

Nascono i supermercati della solidarietà, dove un famiglia indigente potrà fare la spesa senza pagare un euro, ma al massimo cedendo alcune ore di lavoro. I primi esperimenti sono in corso a Modena e Trieste, dove è partita la macchina organizzativa del supermarket anti-crisi. Funziona così: le famiglie che hanno diritto alla tessera (per un periodo non superiore ai 2 anni) potranno ritirarla presso gli sportelli del comune, e a quel punto potranno recarsi al supermarket a fare acquisti. Troveranno tutto: prodotti alimentari, detersivi, bevande, oggetti per la casa. Il punteggio della carta è misurato sulla base delle condizioni economiche della famiglia, ma può essere ricaricato se il titolare offre la disponibilità a lavorare nel supermarket della solidarietà. E la merce? Arriva dalle donazioni di privati e società, e il primo gruppo che ha deciso di mettere a disposizione alcuni prodotti è stato il consorzio Conad, il colosso della grande distribuzione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
istatrisparmiospesacrisi
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite

Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.