Non Sprecare

a cura di Antonio Galdo
www.nonsprecare.it

A- A+
Non sprecare
ospedale

Nuova puntata della rubrica di Affaritaliani.it in collaborazione con www.nonsprecare.it Vuoi non sprecare? Scrivi e chiedi consiglio ad Antonio Galdo: angaldo@gmail.com

Di Antonio Galdo

Negli ospedali italiani si consuma, ogni giorno, il rito dello spreco di cibo: i vassoi con colazione, pranzo e cena dei degenti, nella quasi metà dei casi, finisce nei cassonetti dell’immondizia. E poi nelle discariche. Il danno per le Asl, e in generale per la spesa pubblica sanitaria, è enorme.

Questi pasti, infatti, costano, a secondo dei bandi di gara delle diverse Asl, dai 12 ai 18 euro. E poiché, secondo il Rapporto del ministero della Salute sulle attività di ricovero, abbiamo una media di circa 11 milioni di  ricoveri l’anno, la spesa per i pasti dei degenti è pari a circa 1 miliardo di euro l’anno.

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha chiesto ai suoi direttori generali di mettere a punto un progetto anti-spreco in collaborazione con il Banco Alimentare per recuperare i pasti ospedalieri non utilizzati e distribuirli alle associazioni di volontariato che si occupano di lotta alla povertà sul territorio.

Un’iniziativa che ricalca lo schema dell’esperimento già varato a Torino , all’ospedale La Molinette, dove si punta a recuperare circa 14mila pasti l’anno. Ma l’iniziativa del ministro andrebbe sostenuta anche dalle diverse regioni e dalle Asl, trasformandola così in un vero progetto di portata nazionale.

E andrebbero fatti due interventi su misura per contrastare lo spreco dei pasti. Il primo riguarda la qualità del cibo, troppo spesso molto scadente e senza particolare varietà. Il secondo gli orari di distribuzione dei vassoi: oggi i pasti vengono serviti troppo presto, la cena attorno alle sei del pomeriggio, quando i pazienti non hanno ancora fame.

Perché questa violenza? Basterebbe spostare in avanti gli orari, e già si avrebbe una diminuzione del cibo ospedaliero che finisce nella spazzatura

Tags:
sprecocibonon sprecaresanità
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.