I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
I puntini sulle i
Ecco il galateo per visitare un museo

GALATEO AL MUSEO

 

Il famoso street artist Bansky ha detto che “l’arte deve confortare il disturbato e disturbare il comodo". Le sue opere le possiamo ammirare e farci stupire dove lascia i suoi stencil a sfondo politico nelle città, ma se desiderate recarvi a visitare un museo o un’esposizione sono utili alcune regole di base.

E’ meglio prenotare se sapete che la mostra ha successo e conseguenti code.

Quando arrivate sul luogo, se volete, potete lasciare i soprabiti al guardaroba, di solito sono gratis. Se vi sollecitano di lasciare anche la borsa, non fate resistenza, i custodi comunicano solo direttive museali.

Cellulari in modalità silenziosa.

Se ammirate ciò che è esposto o leggete i pannelli di spiegazione, fate attenzione a non impedire la visuale altrui piazzandovi di fronte.

Non sostate troppo vicino all’opera: spesso ci sono dei sensori ed è imbarazzante far suonare l’allarme o essere ripresi dal custode se vi avvicinate troppo: molto spesso, le opere si vedono meglio nel loro insieme anziché a 30 cm.

Evitate di lasciarvi andare a emotività di fronte all’opera che vi tocca il cuore. La gestione delle emozioni fa parte della buona educazione.

Non si può fotografare col flash.

I commenti o la vostra conoscenza dell’arte trattenetela per la fine della mostra. Voce bassa. Ed evitate “che ci vuole!” perché se l’artista in questione è esposto e voi no, ci sarà un motivo. Pablo Picasso ha affermato con la sicurezza e ironia che gli apparteneva: “Una volta disegnavo come Raffaello, ma mi ci e’ voluta una vita intera per disegnare come i bambini”.

Se fate parte di un gruppo e arrivate in ritardo alla spiegazione, non interrompete salutando o baciando le persone che conoscete, ma mettevi ad ascoltare in silenzio, trasparenti.

Tenete i bambini per mano e non fateli impazzare per le sale. I piccoli, dai 12 anni in giù, andrebbero sempre organizzati con visite guidate per loro, in modo che seguano il percorso con linguaggio e significato alla loro portata. 

I patiti delle inaugurazioni e dei vernissage dovrebbero almeno far finta di interessarsi alle opere e all’artista, solitamente presente se in vita, e non far solo parte della  presenzialista ‘banda della tartina’. 

 

Fb: Buone maniere contemporanee

Commenti
    Tags:
    museo-galateo-visita-mostra
    in evidenza
    Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO

    Lo scherzo e l'imprevisto

    Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO

    
    in vetrina
    Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

    Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


    motori
    Mercedes punta sempre di più sul segmento del luxury

    Mercedes punta sempre di più sul segmento del luxury

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.