I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
I puntini sulle i
Ranieri e la ferocia della pazienza

L’allenatore Claudio Ranieri, stimato in patria ma eterno secondo, ora diventa un fiore all’occhiello italiano.

Ho sentito da un amico che commentava una situazione che non si sbloccava, le parole ‘la ferocia della pazienza’. Le ho trovate illuminanti per rendere come, a volte, la pazienza sia portata a un livello impensabile, che va al di là dello scibile umano. È qualcosa che viene dal profondo, una sensazione animale e non razionale, dettata dalla speranza implicita di una soluzione positiva, quasi liberatoria.

Ranieri e coloro che gli stanno intorno, continuano a sottolineare che la vittoria è arrivata da anziano. Ma 65 anni è un’età in cui uno dovrebbe aver già raccolto soddisfazioni ma che, con pervicacia, può fare ancora molto.  Ecco ieri sera la dimostrazione.

Un gioco feroce è un gioco pesante, una pazienza feroce è una pazienza smisurata.

La ferocia, in accezioni lontanamente positive, può essere anche altera, impavida, vittoriosa perché non molla.

E ferocia+ attesa =  strenua pazienza .

La ferocia della pazienza fa attendere in maniera inconsapevolmente vigile, senza mai abbassare la guardia, con la capacità di agganciare con un balzo felino l’opportunità attesa.  E poi non viene certo mollata, il feroce paziente si ricorda sempre di quanto ha faticato. E la vittoria ottenuta acquista un’ulteriore spessore.

Quante volte abbiamo sentito dire che i grandi pazienti, non sto parlando di malati in cui la pazienza si trasforma spesso in dignità, se non ottengono e reputano sia stato oltrepassato ogni limite, si trasformano in rabbiosi antagonisti. Ecco, ciò avviene quando la ferocia della pazienza è terminata, e quella pazienza diventa insopportabile anche per la persona più irrazionale del mondo. E in quel caso conviene non stare intorno a coloro che hanno messo in atto la ferocia della pazienza che è proprio sfumata, senza appello.

Ma non è il caso di Ranieri che, a testa bassa, ha dimostrato lo stile anche con la ferocia della pazienza.

Commenti
    Tags:
    calciovittoria
    in evidenza
    Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo

    Lato A e B da urlo. LE FOTO

    Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo

    
    in vetrina
    Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

    Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


    motori
    Opel Zafira-e Life, il salotto amato anche dagli amici animali

    Opel Zafira-e Life, il salotto amato anche dagli amici animali

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.