I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Adelante a los 60
Expo, è' finito da poco ma già' mi manca

È' appena finito e gia' mi manca . Non so , sarà' la mia seniority che mi fa affezionare un po' di più' ma io a Expo mi ci ero proprio abituato.

All'inizio mi ero abituato alle spettacolari uscite di Grillo annunciando un grande flop , chi sarebbe venuto in quelle mezze paludi intorno a Rho?.
Mi ero abituato allo strombazzamento di giornali e talk show che , ale' , in prima linea  nello sputtanamento generale di Milano e dell'italianità , inconcludente e corrotta.

Poi , quando la macchina è' partita ,ho tirato un sospiro di sollievo : ce l'abbiamo fatta!!!!
Allora non siamo cosi' incapaci.
Eppero' quanto è' bello quell'albero della vita illuminato dall'autostrada Milano Varese.

E poi , nei primi mesi , ero affezionato alla mia curiosità' di vedere i cento e più' padiglioni , sempre cominciando da quel padiglione zero che ti dava la spinta , ti faceva muovere veloce verso tutti gli altri , in un crescendo di stupore.

E poi il passaparola che , a dispetto dei media, diceva la verità sulla vera forza dell'evento . I soliti  quattro giornali cartacei  letti da quattro , dicasi quattro, old style persona,  si ostinavano a cercare la polvere sotto il tappeto , sperando in qualche caduta. Nulla di tutto questo.

Anzi mi sono sentito orgoglioso per tutti i capi di Stato  passati da questa bella città' , una volta solo da bere, ora anche da vedere, unica meravigliosa citta'italiana european style.

Michelle Obama e i suo 40 pick-up al seguito, la Merkel , Hollande , Putin, mizzega....
tutti , ma proprio tutti qui , dai Caraibi al nord Europa per una volta con Milano e l'Italia al centro del mondo . E ,  finalmente, un premier come Renzi , rispettato , fortunato e giustamente dispensatore di ottimismo.

E poi ad agosto mi ero abituato all'Expomania , con le ore di coda che noi italiani abbiamo imparato a fare.
Due minuti in coda alle poste ci hanno sempre fatto incazzare mentre cinque ore per vedere il padiglione giapponese o 3/4 ore per i tesori italici o il futuro del mondo negli Emirati Arabi , ci hanno visto pazienti , quasi felici di essere protagonisti di un evento straordinario. In coda per tutto , poi ti accorgevi che avevi fatto coda per il padiglione dei bagni...ma insomma , chi se ne frega , per Expo questo e altro ...

Unica libertà' all'ordine il fingersi invalidi, mostrarsi incinta  per superare un pochino quelle muraglie umane,  ma , in fondo un peccato veniale.

Ultimo ma non ultimo mi ero abituato alla puntualita' dei mezzi di trasporto , rapidi , puliti , perfetti, ma che , siamo a Oslo per caso? No siamo vicini a Rho , in the ' middle of nowhere' , nel mezzo del nulla, e invece no tutto ok.

Quanto mi mancheranno le facce , quasi in colpa, degli amici che non hanno voluto andare, si sentivano out, sapevano di essersi persi un qualcosa di straordinario per loro stessi, ma soprattutto per il paese.
Unica consolazione il sapere che fra 50/60 anni forse ne organizzeremo un altro......

Commenti
    Tags:
    expo-finito-2015
    in evidenza
    Paragone, picconate a Burioni "Ti ho denunciato e...". VIDEO

    Politica

    Paragone, picconate a Burioni
    "Ti ho denunciato e...". VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

    Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.