I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Adelante a los 60
Expo: il successo e le code italiche

Expo ci ha fatto imparare una gran cosa, apprezzata in tutta Europa ma da noi non molto conosciuta: saper fare le code. Prima dell'estate , nessuno si sarebbe immaginato un successo del genere.
Gente ne trovavi ma , con un po' di pazienza, potevi vedere quasi tutti i padiglioni.
Ci potevi  trovare di fronte all'Albero della Vita gente comune e non come ad esempio  il Presidente Luca Cordero di Montezemolo che si muoveva tranquillamente alle 14 del pomeriggio, disturbato da nessuno, anche perché, i pochi visitatori erano tutti presi dai padiglioni, dai ristoranti e da altro.
Ad agosto invece è scoppiata la expomania.

Da quel momento gli italiani , che prima non riuscivano a fare la coda nemmeno per comperare dieci cialde di caffè si sono trovati costretti ad imparare il vocabolo 'code chilometriche .. '
È' un vero mistero ma questo Expo è' riuscito ad acculturare in questo campo un popolo un po' refrattario. Un miracolo. E non solo , fra i miracoli  vi è' pure quello relativo al numero dei visitatori annunciati , proprio in questi giorni è' stato raggiunto il mega obiettivo dichiarato di ben 20 milioni di visitatori. Nessuno avrebbe scommesso un centesimo su un simile numero. Molti , stupidamente, avrebbero quasi pagato per un flop.

E adesso viene il bello ....ma com'è' che prima di Expo a fronte di queste dichiarazioni si moltiplicavano i talk , le chiacchiere a vanvera di esponenti politici anche in vista ( in vista e non si sa perché') , i pezzi di fini  articolisti del ' parlo di tutto tanto so di tutto una beata mazza' che scommettevano in un buco gigantesco.....

No , per la miseria , invece Expo non è' stato un flop , e' stato un formidabile successo in termini di numeri , visibilita' nazionale e internazionale, un rilancio per la città' e per i suoi business , e per tutto il paese.

Adesso , i gufi di allora , sono diventati grassi struzzi ,rossi di vergogna ,con la testa nella sabbia e il didietro all'aria.... timorosi che nessuno gliela faccia pagare . Però' il vero problema è' che noi italiani troppo spesso siamo formidabili masochisti. Ed anche in questa spettacolare occasione è' venuta fuori tutta la nostra malattia .
In questo ultimo mese di manifestazione , apice dell'esplosione della expo mania , ci è' venuto un trip irrefrenabile che ci vuole tutti li', , non possiamo rinunciare a  dire che noi ci siamo stati, e perbacco, questo è' un bene , ma perché tutti , ma proprio  proprio tutti , appena entriamo ci fiondiamo in coda per vedere  il padiglione Italia???

Chi se ne frega dell'Azerbaigian ( che tanto un 50% di italian people manco sa dov'e' ) o dell'Angola  o degli Emirati Arabi ,dove ci sviluppera' il futuro dell'economia del mondo. Un padiglione , quello degli Emirati che è' li' a dimostrare , in modo imbarazzante , che loro sono cosi' avanti' nel preparare la prossima edizione di Expo a Dubai che si trovano costretti a pagare gli straordinari alle signorine e alle guide che nell'area ormai pronta stanno aspettando gli arrivi dei turisti , a distanza di cinque anni.....

Mentre invece la super coda , 500, 600 , 1000 metri su tre file è' tutta nostra , sono pochi gli stranieri  , no la maggioranza è' fatta quasi tutta da noi , che andiamo a vedere cose nostre  e ci perdiamo tutto il resto.

Ma quei mitici senior che zainati, bibitati, cappellati e rincitrulliti dal caldo ,dalla ressa e dal casino non potrebbero portare i nipotini al seguito a vedere il mondo attorno  e poi magari .  se rimane tempo , anche l'Italia?

No, tutti li', in riga  , intruppati, ingolfati  e coperti perché in fondo noi siamo come siamo , capaci magari di 'sputtanare' come nessun altro il nostro paese a destra e a manca  , ma quando c'è' da vedere , esplorare , capire come funzionano gli altri paesi, allora no , molte volte ci ritiriamo , prima di tutto il sacro suolo.

Ma cosi' e' se vi pare..diceva il grande Pirandello.

Commenti
    Tags:
    expo-code-italia
    in evidenza
    Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo

    Lato A e B da urlo. LE FOTO

    Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo

    
    in vetrina
    Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

    Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


    motori
    Opel Zafira-e Life, il salotto amato anche dagli amici animali

    Opel Zafira-e Life, il salotto amato anche dagli amici animali

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.