A- A+
Il Salone della CSR e della innovazione sociale

Il Salone della Csr e dell’Innovazione Sociale è il più importante evento in Italia dedicato all’evoluzione della responsabilità d’impresa verso scenari sempre più innovativi e sostenibili. Si tratta di un appuntamento che vuole avvicinare le persone alla sostenibilità nella sua dimensione “quotidiana” attraverso un percorso articolato in diverse tappe e argomenti. Ma come si realizza concretamente tutto questo? Lo abbiamo chiesto a Rossella Sobrero, docente di comunicazione pubblica e sociale all’Università degli Studi di Milano ed esperta di comunicazione sociale e responsabilità d'impresa. 

Rossella Sobrero, fondatore e presidente di Koinètica. È docente di comunicazione pubblica e sociale all’Università degli Studi di Milano, presidente della Consulta Relazioni Pubbliche di AssoComunicazione, consigliere della Fondazione Pubblicità Progresso, consigliere nazionale di FERPI (FEderazione Relazioni Pubbliche Italiana).
 Nella sua precedente esperienza, come Amministratore Delegato de La Fabbrica, importante società di comunicazione e marketing con sede in Italia e in Brasile, ha sviluppato progetti sociali di lunga durata, in particolare per grandi imprese (Fiat, Gruppo Eni etc.) e per Organizzazioni Non Profit (Emergency, Lipu etc.).
 All'interno di Koinètica, ha creato Koinètica l'altra una business unit che si rivolge alle organizzazioni che intendono includere lo specifico femminile nelle proprie strategie di comunicazione.
 Collabora con numerose testate sui temi della comunicazione sociale e della responsabilità sociale d’impresa. Ha pubblicato “Oltre la CSR” (De Agostini Isedi, 2009 con L. Ferrari e S. Renna) e “La comunicazione sociale” (Carocci, 2010 con F.R. Puggelli).

Che cose è e che cosa vuole rappresentare Il Salone della CSR e dell'innovazione sociale?
Il Salone, che sarà organizzato a Milano l’1 e 2 ottobre all’Università Bocconi, è un evento innovativo, originale nel format e nei contenuti che prevede un forte coinvolgimento delle organizzazioni presenti e dei visitatori. La manifestazione si propone come momento di confronto tra mondo dell’impresa, PA, Terzo Settore ma anche con docenti, studenti, giornalisti, blogger etc. Un’occasione di incontro caratterizzata dall’approccio interculturale, interdisciplinare, internazionale dedicata a chi sta ripensando le proprie politiche di CSR in una logica di Corporate Social Innovation. Il Salone è promosso da Università Bocconi, CSR Manager Network, Unioncamere, ACI (Alleanza Cooperative Italiane), Fondazione Sodalitas, Koinètica (www.csreinnovazionesociale.it)

Perché è importante partecipare?
Partecipare è un’occasione per conoscere quello che è stato fatto in tema di CSR ma soprattutto per riflettere sul futuro (o meglio sui “futuri” possibili) anche grazie all’innovazione sociale. Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale vuole avvicinare le persone alla sostenibilità nella sua dimensione quotidiana attraverso un percorso espositivo articolato in otto “piazze”: alimentazione, ambiente, casa, comunicazione, economia, lavoro, moda, salute.. Una mostra digitale racconterà pensieri ed azioni delle organizzazioni sostenibili e un programma culturale facilmente fruibile consentirà di valorizzare le esperienze esistenti in Italia e all’estero, incontrare esperti di CSR e innovazione sociale, dialogare con i protagonisti della manifestazione, partecipare alle diverse attività: workshop, Barcamp, WordCafè, tavole rotonde, convegni, presentazioni di libri etc. Essere presenti a Il Salone della CSR e dell’Innovazione Sociale significa anche entrare in un circuito di organizzazioni e professionisti che credono nei valori dell’innovazione e della responsabilità sociale e collaborare alla costruzione del futuro della sostenibilità.

Come è cambiata la CSR in questi anni?
In questi ultimi anni la CSR è molto cambiata: oggi molte imprese sono andate ben oltre la filantropia e hanno imparato a coniugare il proprio business con l’attenzione all’ambiente e al sociale. In questo scenario in rapido mutamento, la capacità di gestire le relazioni è fondamentale: da questa capacità dipende infatti in misura crescente la reputazione di ogni organizzazione. Oggi essere socialmente responsabili significa, per esempio, saper dialogare con un pubblico sempre più attento alla sostenibilità ambientale, al rispetto dei diritti umani, alla valorizzazione delle persone, all’impegno nei confronti della comunità…

Quale è e come può crescere in questo settore il ruolo dei social media?
Il ruolo dei social media è strategico per tutte le organizzazioni. La differenza rispetto al passato è che oggi anche le piccole organizzazioni, dove spesso la CSR si fa ma non si dice, possono comunicare con i propri pubblici. E’ chiaro che prima di “dire” è necessario “fare”. Ma in molti casi esistono situazioni dove sono presenti iniziative positive che, se comunicate, potrebbero esprimere tutto il loro potenziale. Abbiamo esempi di “piccole azioni di responsabilità” che possono essere facilmente condivise attraverso i sociale network. Per esempio, nel campo del welfare aziendale, la biblioteca aziendale, l’area ristoro accogliente e ben attrezzata, gli accordi con i produttori del territorio, l’estetista in azienda etc.



Si dice che la Corporate Social Responsibility è morta. Ma il 93% delle persone vuole prodotti e servizi più sostenibili

Il Salone della CSR e dell'innovazione sociale


La responsabilità sociale in che modo diventa un vantaggio? Oggi per le imprese la CSR può diventare una leva competitiva quando si è capaci di coinvolgere in modo profondo gli stakeholder. In una società complessa come quella in cui viviamo non è più sufficiente ascoltare i propri portatori di interesse: è necessario considerare il confronto con loro come strumento per leggere il mercato con ottiche e visioni diverse. Per questo si parla sempre più spesso di engagement: esistono casi in cui i rappresentanti degli stakeholder vengono fatti entrare nella cabina di regia dell’azienda per colmare la carenza cognitiva dei manager rispetto all’ambiente in cui l’azienda si trova ad operare. Un passo avanti per supplire a questa carenza è la diffusione di piattaforme di open innovation. 6 - Una nota positiva in tempi di crisi? Questo settore come può contribuire? Non c’è dubbio che l’asset della sostenibilità (unito, per esempio, a quello del Made in Italy) potrebbe aumentare significativamente la competitività delle nostre imprese a livello nazionale ma anche internazionale. E in tutto ciò la comunicazione ha un ruolo importante: è necessario infatti non solo sviluppare strategie di CSR ma anche far conoscere i miglioramenti concreti che vengono realizzati per esempio a favore dei dipendenti, per il controllo della filiera, per ridurre l’impatto ambientale... La situazione cambia da impresa a impresa: in alcuni casi esiste un buon livello di consapevolezza ma non si riesce a comunicare in modo efficace con gli stakeholder. Altre volte è necessario capire come costruire partnership innovative con altre organizzazioni in un’ottica win-win.

Tags:
rossella sobrerocsrsaloneresponsabilitàsociale
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO


casa, immobiliare
motori
Mercedes: il futuro è completamente elettrico

Mercedes: il futuro è completamente elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.