I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Tasse & Pensioni

Nuova puntata su Affaritaliani.it della rubrica "Tasse&Pensioni", uno spazio a cura dello studio fiscale tributario e del lavoro Massimiliano Casto che risponderà a tutti i vostri quesiti in materia di fisco e previdenza. Per orientarsi nel difficile mondo della burocrazia e delle leggi scrivete a:
tassepensioni@affaritaliani.it

 

QUESITO
Sono un piccolo commerciante al dettaglio di articoli casalinghi. Ho sempre pagato i contributi entro le scadenze ma dall'anno scorso, tra crisi, affitto del locale commerciale e per problemi economici vari, ho pagato in ritardo la rata Inps e le prossime rate, con le altre tasse in arrivo, non penso di riuscire a pagarle. Cosa mi accadrà?
                                                                                            Francesco Gerino - Mantova
RISPOSTA
Il recupero dei crediti Inps avviene attraverso un sistema costituito dall'emissione di avvisi bonari e cartelle esattoriali, con le seguenti modalità:
" per artigiani, commercianti, lavoratori agricoli autonomi, aziende con dipendenti e lavoratori iscritti alla Gestione Separata, tramite l'invio di avviso di pagamento e, nel caso in cui il debito contestato non venga pagato, l'emissione di cartella esattoriale;
" per i pescatori autonomi è prevista, prima dell'emissione di un eventuale avviso, la preventiva compensazione delle somme dovute con il credito contributivo derivante dell'applicazione dello sgravio, pari al 70% della somma annualmente da versarsi, come previsto dall'art. 11 della legge n. 388/2000 e successive proroghe. La notifica di questi atti costituisce, altresì, evento interruttivo dei termini di prescrizione. Le consiglio di andare alla sede Inps e chiedere una rateizzazione delle somme da pagare senza aspettare la cartella esattoriale.
                                                                                              Massimiliano Casto - Noto (SR)

QUESITO
Dal prossimo mese di luglio, inizierò a lavorare con le mansioni di badante, presso una coppia di anziani ottantenni. Mi hanno detto che sarò assunta regolarmente per 30 ore la settimana con uno stipendio di 8,50 euro l'ora e mi verseranno i rispettivi contributi all'Inps. Volevo sapere, visto che si tratta della mia prima esperienza di lavoro, quali benefici avrò per la pensione.
                                                                                   Giovanna Persana - Arezzo

RISPOSTA
Il lavoro domestico, ai fini previdenziali è uguale agli altri lavori degli altri settori. Infatti i versamenti effettuati all'INPS dal datore di lavoro consentono al lavoratore domestico sia italiano sia straniero di accedere alle prestazioni assicurative e pensionistiche che di  seguito le elenco, se in possesso dei requisiti richiesti dalla legge. Le prestazioni a cui lei ha diritto e che sono a carico dell'Inps sono: l'assegno per il nucleo familiare, l'indennità di disoccupazione, l'indennità di  maternità, l'indennità antitubercolosi, le cure termali, l'assegno di invalidità, la pensione di inabilità, la pensione di anzianità, la pensione di vecchiaia, la pensione ai superstiti o di reversibilità .
                                                                                   Massimiliano Casto - Noto (SR)

QUESITO
Sono, da anni, un fedele lettore di Affari Italiani e anche io volevo porre un quesito. Quest'anno non ho ricevuto il Cud  e mi è stato detto che non arriverà più. Ho letto nel sito internet dell'Inps qualche notizia per recuperarlo ma in definitiva dovrei andare in un patronato. Visto, sono allergico ai sindacati e per questo che mi compilo da solo la dichiarazione dei redditi, volevo un consiglio e sapere semplicemente, la procedura per avere comunque il Cud.
                                                                                   Salvatore Giacomiro - Perugia

RISPOSTA
Per la richiesta di invio del Cud al proprio domicilio è stato attivato il numero verde 800.43.43.20 dedicato alla richiesta di spedizione del Cud al proprio domicilio, in aggiunta al tradizionale numero verde 803.164.  Il numero è gratuito per le chiamate da rete fissa e non è abilitato alle chiamate da telefoni cellulari, per i quali è invece disponibile il numero 06.164.164, a pagamento in base al proprio piano tariffario. Il servizio, attivo 24 ore su 24 in modalità completamente automatica, è supportato dagli operatori del Contact Center dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 20 ed il sabato dalle 8 alle 14. 
                                                                 Massimiliano Casto - Noto (SR)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tassepensioni
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.