Milano, 5 gen. (Adnkronos Salute) - Secondo gli ultimi dati ufficiali in Lombardia sono state somministrate 9.167 dosi di vaccino anti Covid a fronte delle 80.595 consegnate (circa l'11,4%). "Un numero ancora troppo basso per una campagna che non può permettersi ritardi". A sottolinearlo è il sindacato dei medici e dirigenti ospedalieri Anaao Assomed Lombardia, che lancia un doppio appello: il primo ai medici affinché aderiscano alla vaccinazione e il secondo alla Regione e alle aziende sanitarie affinché mettano il "massimo sforzo" per far andare a buon fine la campagna. "Vogliamo fare la nostra parte chiedendo a tutti i colleghi di sottoporsi il prima possibile alla vaccinazione e adempiere al proprio dovere morale che li vede ogni giorno in prima linea nella lotta contro il virus", dichiara Stefano Magnone, segretario regionale di Anaao Lombardia."Siamo finalmente giunti a un momento di svolta nella lotta alla pandemia che richiede la piena collaborazione degli operatori sanitari, della popolazione nel suo complesso e di tutte le istituzioni - prosegue - Da Regione Lombardia e dalle istituzioni ci aspettiamo il massimo impegno non solo per fare in modo che la campagna proceda in modo veloce e lineare, ma anche per superare le polemiche di questi ultimi giorni e convergere quindi verso l'obiettivo comune: ritornare il prima possibile a una vita normale". Come annunciato dal responsabile della campagna vaccinale per la Lombardia Giacomo Lucchini, l'obiettivo è coprire nei mesi di gennaio e febbraio tutti gli operatori sanitari (circa 140 mila), per poi passare nel mese successivo al resto della popolazione seguendo la programmazione territoriale, ricorda il sindacato. Tra i primi sanitari che si sono sottoposti al vaccino anche Anna Paola Callegaro, segretaria Anaao Lombardia per l'Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo e virologa, che si dice "felice e orgogliosa" di averlo fatto. "Il vaccino è oggi il principale strumento di prevenzione che abbiamo contro la pandemia. Operatori sanitari, medici, infermieri, tecnici di laboratorio: ogni giorno siamo in prima linea per combattere l'emergenza e la nostra è una responsabilità non solo morale, ma deontologica nei confronti di tutte le persone che da marzo a questa parte hanno perso la vita, tra cui anche tanti colleghi".

in evidenza
Incubo autocertificazione Ora arriva anche sulle magliette

Il Covid vissuto con ironia

Incubo autocertificazione
Ora arriva anche sulle magliette

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Meteo marzo, clamoroso ritorno dell'inverno. Gelo e tanta neve in pianura

Meteo marzo, clamoroso ritorno dell'inverno. Gelo e tanta neve in pianura

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.