Roma, 1 lug. (Adnkronos Salute) - Un genitore su tre ha rinviato le vaccinazioni dei propri figli durante l’emergenza sanitaria da Covid-19. È quanto emerge da un sondaggio condotto dalla Società italiana di pediatria in collaborazione con il portale Pazienti.it, su un campione di circa 1.500 intervistati. L'indagine è stata realizzata con l’obiettivo di valutare le reali dimensioni del rinvio delle sedute vaccinali nei bambini e negli adolescenti durante l’emergenza sanitaria, un fenomeno sul quale la stessa società scientifica nelle scorse settimane aveva lanciato l’allarme.

Il sondaggio è stato condotto per tutto il mese di maggio (nello specifico, dal 28 aprile all’8 giugno) e ha riguardato la fascia 0-11 anni, coinvolgendo le famiglie tramite i canali social (Facebook, Twitter, Instagram) di Pazienti.it, della Società italiana di pediatria e grazie alla collaborazione di alcuni media partner del portale. Inoltre, durante il mese di maggio, Pazienti.it ha elaborato e inviato due Dem dedicate al sondaggio.

Dai dati è emerso che sulle decisioni di rinviare il vaccino ha pesato non solo la paura ma anche le scelte organizzative. Alla domanda 'in queste settimane hai rimandato le vaccinazioni di tuo figlio?', il 66% del campione ha risposto no, mentre il 34% ha risposto sì: ben 1 su 3.

Analizzando il gruppo che ha posticipato le vaccinazioni (34% del campione generale), emerge il ruolo importante delle scelte organizzative dei centri vaccinali durante la pandemia. Infatti, il 42% del sottocampione ha dichiarato che è stato il centro vaccinale a posticipare l’appuntamento e il 13% ha che il centro era addirittura chiuso. Il restante 44% ha scelto in autonomia di rinviare le vaccinazioni 'per ragioni di sicurezza'.

Nonostante la pandemia abbia colpito in misura maggiore le Regioni del Nord, mettendo a dura prova la tenuta dei sistemi sanitari, il posticipo delle sedute vaccinali ha riguardato in maggior misura percentuale il Sud. Nel sottocampione esaminato, infatti, risulta del 40% la percentuale di coloro che nel Sud hanno risposto di aver rinviato le vaccinazioni, contro il 34% del Nord e il 26% del Centro.

Anche la scarsa informazione riguardo alla sicurezza del percorso vaccinale sembra aver giocato un ruolo nella scelta di rinviare le sedute. Sebbene l’Organizzazione mondiale della sanità e il ministero della Salute abbiano stilato dettagliate Linea Guida per limitare il rischio di trasmissione di SarCov-2 durante la vaccinazione ben il 46% degli intervistati ha dichiarato di non avere ricevuto le nuove raccomandazioni per la sicurezza. Risentono del posticipo anche i vaccini obbligatori. Quasi tutte le vaccinazioni pediatriche sono state interessate dal rinvio, soprattutto quelle nella fascia 0-2 anni: da quelle obbligatorie come l’esavalente (Difterite-tetano-pertosse acellulare, Polio, Hib, Epatite B) e l’Mprv (morbillo, parotite rosolia e varicella), a quelle raccomandate come il meningococco B e lo pneumococco.

"La pandemia Covid-19 ha messo a dura prova i Servizi sanitari mondiali, con drammatiche ripercussioni sull’assistenza medica", commenta Rocco Russo, responsabile del tavolo tecnico vaccinazioni della Sip, "ma non bisogna dimenticare il valore delle vaccinazioni a tutela della salute pubblica. È importante non abbassare la guardia nei confronti delle malattie infettive prevenibili con vaccino, mettendo in atto efficaci strategie di comunicazione finalizzate a dissipare le preoccupazioni, migliorare i legami con la comunità e ristabilire la domanda di vaccinazione da parte dell’intera comunità”.

Per il presidente della Società italiana di pediatria Alberto Villani "si deve recuperare il patrimonio culturale e professionale dei Dipartimenti di prevenzione, disperso negli anni, e tornare ad avere Centri vaccinali in ambienti curati e specificamente concepiti, con adeguate risorse umane e professionali (medici, infermieri, assistenti sanitari, amministrativi) e in grado di operare in sicurezza in ogni situazione epidemiologica. Le vaccinazioni sono un cardine fondamentale del Ssn e meritano la massima attenzione".


in evidenza
Fico mostra un lato B 'poetico' Ma la mano del fidanzato...

Belen, Diletta e... Le foto delle Vip

Fico mostra un lato B 'poetico'
Ma la mano del fidanzato...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Previsioni meteo, settimana con super anticiclone e temporali

Previsioni meteo, settimana con super anticiclone e temporali

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.