Roma, 5 mar. (AdnKronos Salute) - Colesterolo un po' come 'Giano bifronte' per gli anziani. Sotto accusa per gli effetti cardiovascolari, ora Ldl e Hdl si rivelano un po' a sorpresa un alleato dei grandi anziani minacciati dal declino cognitivo. Gli 'over 85' con valori di colesterolo totale che sono aumentati nella mezza età, infatti, presentano un rischio ridotto di marcato declino cognitivo rispetto a persone più giovani di 10 anni il cui colesterolo era ugualmente elevato. Lo riferiscono i ricercatori del Mount Sinai Hospital, in uno studio su 'Alzheimer & Dementia'. Insomma, un colesterolo totale elevato in tarda età può rivelarsi uno 'scudo' a livello cognitivo.Ma è proprio il colesterolo a proteggere da demenza e Alzheimer? I ricercatori hanno scoperto che le persone di 85-94 anni con una buona funzione cognitiva, il cui colesterolo totale è aumentato con la mezza età, presentano un rischio ridotto del 32% di marcato declino cognitivo nei successivi 10 anni, rispetto ai 75-84enni: per loro il rischio è aumentato del 50%. Come leggere questo risultato? Gli scienziati spiegano che i dati non suggeriscono agli anziani di far salire il colesterolo per una migliore salute cognitiva, ma piuttosto che gli 85enni lucidi e con il colesterolo alto probabilmente presentano un qualche fattore protettivo. Un elemento misterioso ma cruciale, che potrebbe aprire la strada alla messa a punto di nuove terapie.I dati analizzati dal team sono stati ottenuti dal Framingham Heart Study, un celebre studio a lungo termine iniziato nel 1948 con 5.209 soggetti adulti, e ora alla terza generazione di partecipanti. "I nostri risultati hanno importanti implicazioni per la ricerca di fattori genetici e di altro tipo associati a un invecchiamento cognitivo di successo", sottolinea il primo autore del lavoro, Jeremy Silverman, professore di Psichiatria dell'Icahn School of Medicine al Monte Sinai Hospital. "Le persone longeve che sono anche in salute dal punto di vista cognitivo nonostante l'alto rischio" di demenza, aggiunge, "dovrebbero essere protagoniste di studi mirati per cercare fattori protettivi e per poter identificare così futuri farmaci e terapie per trattare demenza e Alzheimer". Gli studiosi non pensano che "avere il colesterolo alto vada bene per le capacità cognitive a 85 anni, ma la sua presenza potrebbe aiutarci a identificare" geni o "fattori protettivi" chiave, conclude Silverman.

in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.