Roma, 31 lug. (Adnkronos Salute) - Contro il fenomeno delle aggressioni ai medici "c'è bisogno di provvedimenti esemplari e immediati che ancora non vediamo". A dirlo all'Adnkronos Salute il presidente dell'Ordine dei medici di Napoli, Silvestro Scotti, che - commentando l'aggressione a una dottoressa, colpita con una scatola di mozzarelle - si dice preoccupato anche per i rischi di conflitto sociale legati al mix pandemia e crisi economica. "In autunno - dice Scotti - potrebbero sommarsi la ripresa del Covid-19 con l'emergenza sociale ed economica, se non si sceglie immediatamente di ricorrere ai fondi messi a disposizione dall’Europa. I medici e il personale sanitario, come chiunque rappresenti indirettamente lo Stato, sarà un possibile capro espiatorio". L'episodio dell'aggressione 'colpi di mozzarella', fortunatamente non ha avuto conseguenze per la dottoressa, "ed è sicuramente spiacevole. Ma porta con se un po' di amara ironia: se avevamo capito che la sacralità del camice bianco di un medico non impedisce le aggressioni, oggi potremmo dire che nemmeno un alimento sacro come la mozzarella per i napoletani ha fermato la mano dell’aggressore", conclude Scotti.

in evidenza
Conte-Inter, c’è già aria di addio 'Futuro? Si vedrà, troppe critiche'

VIDEO

Conte-Inter, c’è già aria di addio
'Futuro? Si vedrà, troppe critiche'

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

in vetrina
Meteo caldo stop, cambia tutto. Un ciclone porta piogge e fresco

Meteo caldo stop, cambia tutto. Un ciclone porta piogge e fresco

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.