Vita facile

di Fabio Frabetti

A- A+
Vita facile

di Fabio Frabetti

 

La vita sarebbe sicuramente più facile se opere già finanziate e utili a migliaia di persone vedessero la luce. Per scuotere un po' il mondo della politica, può bastare un sito web dedicato ad un obiettivo: se ben fatto può lasciare davvero pochi margini a chi rinvia un investimento particolarmente sentito dalla popolazione.  È il caso dell'associazione culturale Identità Comune che con il sito www.portadelcanavese.it racconta l'enorme utilità che avrebbe la realizzazione della nuova stazione Porta Canavese che permetterebbe di collegare velocemente la Valle D'Aosta e il Canavese con Torino, Milano, Roma e Ginevra. Un punto di collegamento strategico tra la ferrovia ad alta velocità Torino-Milano-Roma e la ferrovia Chivasso-Ivrea-Aosta, a pochi metri dall'uscita dell'autostrada Torino-Milano.

«Con soli 3 milioni di euro – spiega il segretario Tomas Carini – è possibile far ripartire la moribonda economia della comunità del Canavese, del Monferrato e della Val D'Aosta. La somma necessaria per il progetto è facilmente trovabile: nelle casse della Regione Piemonte giacciono immobili 30 milioni nonostante siano stati stanziati per opere di questo tipo. Ne basterebbe un decimo per risolvere la grave situazione che taglia fuori questi territori dai grandi collegamenti. Il tutto mentre le aziende e le attività commerciali falliscono, i lavoratori rimangono senza occupazione, i servizi forniti alle imprese ed ai cittadini sono sempre di meno. Arrivare alla fine del mese è sempre più difficile. Non spendere questi soldi significa far pagare proprio ai cittadini gli interessi passivi e rischiare che vengano utilizzati per altre spese. A noi non importa nemmeno sapere perché questo succeda, ci interessa invece che questi benedetti 3 milioni siano spesi per la loro funzione originaria: quella di realizzare la stazione Porta del Canavese. Con noi ci sono i più significativi rappresentanti degli operatori economici del territorio. I vantaggi sarebbero enormi: oltre al risparmio di tempo e denaro, l'effetto più importante sarebbe quello di aumentare in modo consistente i flussi di persone, approfittando anche dell'attrattiva turistica».

La stazione di interscambio Porta Canavese si insedierebbe nel punto in cui la ferrovia Chivasso-Ivrea-Aosta passa sotto la linea ad alta velocità. Nel sito, dedicato all'opera, tutto è spiegato nel dettaglio. «Le strutture principali sono già pronte con le due ferrovie sui due livelli sovrapposti e potrà essere completata con alcuni interventi. L'ingegnere Nicola Manzoni di Chivasso ha già preparato uno studio di fattibilità. L'opera sarebbe abbastanza semplice da realizzare con pochi costi di gestione e di personale. Non servirebbero nemmeno le biglietterie: basterebbero quelle automatiche, considerata anche la contemporanea vendita dei biglietti su internet. Gli stessi vertici di Rete Ferroviaria Italiana non avrebbero fatto alcuna resistenza attendendo però il via libera da parte di chi governa. Una stazione di questo tipo è già realtà assodata in Francia dove le stazioni di porta periferiche rispetto alle grandi stazioni metropolitane sono molto diffuse. Una nuova fermata dell'alta velocità permetterebbe di servire l'intera Valle D'Aosta. Si genererebbe un flusso notevole di persone, un servizio ottimale per imprenditori, commercianti, pendolari. Tradotto significa far girare l'economia, porre le basi di una ripresa con più domanda ed offerta di lavoro. Una città come Chivasso potrebbe invertire il trend di crisi, cominciando a popolare gli oltre mille appartamenti liberi. Il nostro vuole essere uno stimolo ma ci facciamo anche portavoce di una necessità particolarmente sentita. Con la nuova stazione si creerebbe un collegamento diretto con 54 stazioni. Visto che i soldi ci sono e tutto sembra già predisposto ci sembra assurdo che non possa essere realizzato».

Tags:
vita facileradiomusica
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.