A- A+
Il Sociale
neonato

La gestione delle coppie di fatto bussa alle porte dell'ospedale di Padova: la notte di Capodanno, infatti, annovera tra i primi nati un bambino di una coppia lesbica: una delle due donne, per restare incinta, ha scelto la via della fecondazione artificiale all'estero per poi tornare in Italia e decidere di a partorire all'ospedale di Padova, dove la coppia vive. Ma mentre una delle due donne era in sala travaglio, l’altra ha dovuto vedersela con le norme dell’ospedale.

Prima fra tutte la prassi del braccialetto identificativo, obbligatorio per il riconoscimento di mamma, papà e neonato. L'ospedale di Padova, ha dovuto, infatti, modificare una prassi in vista dell'eccezionalità del caso. Stavolta, non essendoci il papà il direttore del reparto, Giovan Battista Nardelli, ha deciso di sostituire la parola 'padre' dal braccialetto con quella 'partner'; "di fronte a questa situazione - ha spiegato - abbiamo capito che era il caso di evitare la dicitura 'padre' per evitare imbarazzi e abbiamo modificato i bracciali". E' stato un processo lungo, scattato a seguito di un evento oggettivo, che ci ha permesso però di compiere una riflessione fondamentale. Ci adeguiamo ai cambiamenti sociali e culturali".

 

Tags:
ospedale padovamammelesbiche

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.