A- A+
Il Sociale

"Quanto accaduto nel carcere di Contrada Capodimonte, dove 4 agenti sono risultati positivi al test della Tbc, è purtroppo solo la punta dell'iceberg di una situazione esplosiva sotto l'aspetto sanitario, a causa del persistente sovraffollamento". Lo dichiara il segretario nazionale dell'Ugl Polizia Penitenziaria, Giuseppe Moretti, aggiungendo come "ciò che più ci preoccupa però è che non si tratti di un episodio isolato.

"La rilevazione dell'incidenza della diffusione della tubercolosi nelle carceri è infatti allarmante e si riverbera anche all'esterno dei penitenziari attraverso i contatti della popolazione generale con quella carceraria. Ci siamo spesso domandati - aggiunge Moretti- se la scelta di delegare alle Regioni la sanità penitenziaria sia stata saggia, visto che chi vive in un luogo così promiscuo e in una condizione di elevato rischio di contagio non può essere sottoposto a controlli al pari di chi vive liberamente. Ci aspettiamo ora una rapida indagine dell'Amministrazione penitenziaria che accerti se sono state trascurate azioni di prevenzione da parte della direzione del carcere di Benevento e - conclude il sindacalista - auspichiamo la messa a punto di valide misure precauzionali a tutela del personale e dei detenuti".

Tags:
tubercolosipenitenziari

i più visti

casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.