A- A+
Il Sociale
gangnam style psy ape

In Brasile è bufera su Gillette dopo il lancio della campagna "Voglio vederti depilato". La nota marca di rasoi ha infatti scelto il cantante sudcoreano Psy, inventore dello Gangnam Style, come testimonial durante il carnevale per veicolare il messaggio che un uomo dal petto liscio è più desiserabile.

Immediata la protesta di molti brasiliani che parlano di "discriminazione nei confronti degli uomini con i peli sul petto." Il Consiglio nazionale che disciplina la pubblicità (Conar) ha fatto sapere di aver aperto un'inchiesta a seguito di alcune denunce.

"I sondaggi mostrano che otto donne su dieci trovano un uomo senza peli più sexy di uno peloso", ha sostenuto il marchio. La campagna mostra il petto di un uomo liscio e pieno di segni di rossetto.

Gillette ha anche aggiunto di aver tratto beneficio dalla campagna ma di non aver avuto l'intenzione di mancare di rispetto a nessuno, facendo notare che la campagna è durata solo il tempo dei festeggiamenti del carnevale.

Tags:
gillettepsydepilazione maschile
in evidenza
Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto

Sfilata da sogno e... da ridere

Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto


in vetrina
Gruppo FS: un totem al Binario 21 per ricordare le vittime della Shoah

Gruppo FS: un totem al Binario 21 per ricordare le vittime della Shoah


motori
BMW accelera nella mobilità elettrica

BMW accelera nella mobilità elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.