A- A+
Il Sociale

Un caso di discriminazione su dieci registrato nel 2012 riguardava l'orientamento sessuale. È quanto emerge dai dati dell'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar), illustrati a Milano dalla responsabile strategie Lgbt dell'Unar Agnese Canevari, in apertura del seminario organizzato insieme a Redattore sociale, dal titolo "L'orgoglio e i pregiudizi".

"Un caso su tre in particolare è avvenuto attraverso i mass media -ha sottolineato Angela Canevari- e tra questi il 30 per cento su internet". Un caso di discriminazione su dieci registrato nel 2012 riguardava l'orientamento sessuale. È quanto emerge dai dati dell'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar), illustrati questa mattina a Milano dalla responsabile strategie Lgbt dell'Unar Agnese Canevari, in apertura del seminario organizzato insieme a Redattore sociale, dal titolo "L'orgoglio e i pregiudizi". "Un caso su tre in particolare è avvenuto attraverso i mass media - ha sottolineato Angela Canevari - e tra questi il 30 per cento su internet".

Le segnalazioni di discriminazione sono venute soprattutto dai testimoni (43,1 per cento dei casi), dalle vittime (24,3 per cento) o "scovate" dall'Unar (25,7 per cento). Oltre ai mass media, gli altri ambiti in cui più di frequente sono avvenute le discriminazioni sono: vita pubblica (36,8 per cento), scuola e istruzione (7,6 per cento), casa (4,9 per cento) e lavoro (4,2 per cento). Il seminario di Milano è realizzato nell'ambito del progetto "Lgbt media and communication", finanziato dal Consiglio d'Europa nel quadro della raccomandazione Cm/Rec (2010) sulle misure volte a combattere la discriminazione fondata sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere e in attuazione delle Strategia nazionale Lgbt 2013 - 2015. Hanno dato il patrocinio al seminario di Milano il Comune, il Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti, l'Ordine dei giornalisti della Lombardia, la Federazione nazionale stampa italiana, Lgbt project.

Tags:
discriminazioneorientamento sessualgaylgbt
in evidenza
Quando Crosetto condannava la Nato: "Atto ostile verso la Russia"

tweet invecchiati male

Quando Crosetto condannava la Nato: "Atto ostile verso la Russia"


in vetrina
Banca Generali, presentato l’undicesimo capitolo di BG4SDGs

Banca Generali, presentato l’undicesimo capitolo di BG4SDGs


motori
La storica sportività Opel GSe è ora ibrida plug-in

La storica sportività Opel GSe è ora ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.