A- A+
Il Sociale

L’ultimo colpo, in ordine di tempo, lo sfratto dovuto alla morosità. E lei si è sentita ancora più umiliata perché incapace di far fronte alle spese dell’affitto a causa della mancanza di lavoro. Un lavoro che aveva perduto e provato a ricercare, ma invano.

E così, una donna di 41 anni di Venezia, residente nel sestiere di Castello, si è tolta la vita. Non senza avere spiegato le ragioni della sua drastica decisione in due bigliettini ha scritto due bigliettini alla madre. La donna si è impiccata e quando il cadavere è stato scoperto era già morta da ore.

Quando i pompieri hanno sfondato la porta, avvisati dalla sorella preoccupata perché non otteneva risposte al telefono, l'hanno trovata senza vita, appesa ad un cappio. Nei biglietti, datati 4 febbraio, spiegava alla madre l'origine dei suoi problemi, derivati dalla mancanza di lavoro. Dall'incapacità di riuscire a sistemare la propria vita dal punto di vista finanziario. Di non sentirsi realizzata, appagata.

La salma, è già stata messa a disposizione dei famigliari. La donna, probabilmente, aveva preso la sua decisione da giorni.

Tags:
sfrattocappio

i più visti

casa, immobiliare
motori
Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

Porsche Taycan nuova safety car della Formula E


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.