A- A+
Il Sociale
Scandalo da una giudice: "Donne vittime di violenza perché ubriache"

Una ex giudice del Regno Unito e' stata sommersa di critiche nelle ultime ore dopo aver detto in un'intervista che "le statistiche sulle violenze sessuali non cambieranno fino a quando le donne non smetteranno di ubriacarsi cosi' tanto". Cosi' ora i commenti di Mary Jane Mowat sono entrati al centro delle critiche delle associazioni femministe, che hanno condannato "la cultura dell'incolpare le donne" che rimangono vittime degli abusi di natura sessuale. Mowat ha pure ammesso, durante l'intervista, di aspettarsi gli attacchi da parte dell'opinione pubblica, ma ha difeso le sue opinioni "da un punto di vista strettamente legale", aggiungendo che la legge richiede la certezza della condanna, "difficile quando la donna ha bevuto tanto". La ex giudice ha continuato: "Non sto dicendo che e' giusto violentare una donna ubriaca, non sto dicendo che e' consentito approfittarsi di una donna sotto lo stato dell'alcol". Ma la giuria, ha aggiunto, non sa come agire "quando la vittima non si ricorda che cosa stesse facendo, che cosa abbia detto o se sia stata consenziente oppure no".

Tags:
donneubriacheviolentate
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.