A- A+
Il Sociale

Una polemica scuote Parigi. Protagonista una famiglia disagiata, "cacciata" dal museo d’Orsay perché alcuni visitatori si sono lamentati del cattivo odore. A raccontare a Le Figaro l'accaduto è stato un volontario dell’associazione “ATD, Agire per tutti e per la dignità” che, secondo un progetto sociale previsto dalla sua associazione, stava accompagnando la coppia e loro figlio in una visita.

orsay ape

Ma niente da fare, alcune guardie del museo, su input di visitatori infastiditi, hanno invitato il gruppo a uscire, avanzando motivi di igiene. Il giovane volontario aveva deciso di ripetere l’esperienza fatta lo scorso dicembre grazie all’iniziativa della ministra della Cultura, Aurelie Filippetti, con il titolo: "La cultura è un vettore di lotta contro la disuguaglianza".

All’epoca la ministra aveva invitato 400 persone in difficoltà, aiutate da associazioni umanitarie come Emmaus, a visitare alcune mostre della capitale, da Dalì al Centro Pompidou a Hopper al Grand Palais. Il Museo d’Orsay si è dichiarato dispiaciuto per l’incidente e per la goffaggine delle sue guardie.

Tags:
museod'orsayfamiglia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.