A- A+
Il Sociale

Quattromila bambine di origine somala, egiziana, ghanese, nigeriana, sono state escisse in dieci anni nel nostro Paese, infibulate , vittima di una pratica medievale che è una vergogna alla quale pensiamo solo il 6 febbraio. Lo afferma il giornalista Mario Campanella,Presidente della Peter Pan Onlus, che ha inviato una lettera agli ambasciatori dei Paesi succitati, nominando Maria Rita Parsi (ambasciatrice Onu per l’Infanzia) come testimonial virtuale della giornata di sensibilizzazione.

Solo con il sostegno convinto degli ambasciatori – ha detto Campanella- e della loro adesione alle leggi del diritto positivo che vietano e sanzionano penalmente questa pratica, potremo smontare gli addentellati pseudoreligiosi che sostengono questa follia. Quattromila bambine escisse prosegue il giornalista, mille delle quali solo tra Lazio e Lombardia , in un silenzio sconvolgente che non può non conoscere una risposta culturale e preventiva, oltre che repressiva. Campanella ha chiesto “ anche l’adesione al presidente Schifani “ ed ha annunciato “ l’adesione del Presidente di AssoAfrica, l’associazione di Confindustria che si occupa di rapporti con il Continente, dott. Fausto Aquino”.

Tags:
infibulazionegiornata mondiale
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida

Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.