A- A+
Il Sociale
Governo: arriva servizio civile 'leva per difesa Patria'

E' una leva "per la difesa della Patria", accanto al servizio militare, ovvero un "Servizio civile nazionale universale" per garantire a 100mila giovani all'anno di poter svolgere per otto mesi, prorogabili di quattro, e aperta agli stranieri, il servizio civile, una delle misure proposte dal governo nelle linee guida per una riforma del Terzo settore, anticipate stamane da Matteo Renzi. Tale servizio prevedera' dei benefit sotto forma di crediti formativi o tirocini e si potra' svolgere in parte nei Paesi dell'Unione europea.

Governo: riforma Terzo settore, Renzi apre consultazione
Il premier Matteo Renzi via Twitter annuncia la pubblicazione on line delle 'Linee guida per una Riforma del Terzo settore'. E lancia la consultazione tra i cittadini. Durata, un mese. "Il testo di discussione sul #terzosettore Come promesso a Lucca, un mese fa. Adesso un mese di discussione e poi parte iter #lavoltabuona", twitta Renzi. Nel documento linkato in un tweet successivo si trovano le 'Linee guida' per la riforma e l'invito a discuterne e a dare suggerimenti per riformare "l'Italia del volontariato, della cooperazione sociale, dell'associazionismo no-profit, delle fondazioni e delle imprese sociali". E in calce si legge: "Su tutte queste proposte, ci piacerebbe conoscere le opinioni di chi con altruismo opera tutti giorni nel Terzo settore, cosi' come di tutti gli stakeholder e i cittadini sostenitori o utenti finali degli enti del no-profit". La consultazione "sara' aperta dal 13 maggio al 13 giugno. Nelle due settimane successive il Governo predisporra' il disegno di legge delega che sara' approvato dal Consiglio dei Ministri il giorno 27 giugno 2014".

Fra le novita' proposte dal governo nuove fondamenta giuridiche degli enti no profit per "separare il grano dal loglio, attraverso la riforma del libro I e titolo II del codice civile per individuare i requisiti sostanziali, la struttura di governance e gli obblighi di trasparenza ma anche lo snellimento delle procedure di riconoscimento e i criteri per la gestione economica. Il secondo punto su cui si intende procedere e' l'aggiornamento della legge sul volontariato con il riconoscimento delle reti di volontariato di secondo livello, la ridefinizione dei compiti dell'osservatorio nazionale, la riduzione degli adempimenti burocratici e criteri piu' trasparenti. Si intende poi rivedere la legge sulle Associazioni di promozione sociale per razionalizzare le modalita' di iscrizione ai registri e armonizzare il regime di agevolazioni fiscali rispetto a quello di altre categorie di enti no profit. A questi interventi saranno affiancati l'istituzione di un'authority del terzo settore e alla redazione di un testo unico.

Si intende poi valorizzare il principio di sussidiarieta' verticale e orizzontale facendo contribuire gli enti no profit alla programmazione delle politiche pubbliche a livello territoriale, con una revisione dei requisiti per l'autorizzazione dei servizi sociali e l'introduzione di incentivi per la libera scelta dell'utente a favore delle imprese sociali con detrazioni fiscali o voucher. Per "far decollare l'impresa sociale" si propone di rendere obbligatoria l'assunzione dello specifico status, ampliando le materie di competenza e le categorie di lavoratori svantaggiati, prevedendo poi forme limitate di remunerazione del capitale sociale e armonizzando agevolazioni e benefici di legge. L'ultimo obiettivo che si propone il testo del governo e' "dare stabilita' e ampliare le forme di sostegno economico, pubblico e privato, degli enti del terzo settore" attraverso il riordino delle fiscalita' di vantaggio anche per chiarire meglio la "controversa accezione di modalita' non commerciale". Si prevede poi un potenziamento del 5 per mille e la disciplina sperimentale del voucher per il secondo welfare delle famiglie. "Lo chiamano terzo settore - si legge nelle linee guida del governo - ma in realta' e' il primo", e "anche in questo caso vogliamo fare sul serio", perche' i tre obiettivi che si pone l'esecutivo sono: costruire un nuovo welfare partecipativo con una governance allargata ai corpi intermedi e al terzo settore, valorizzare il potenziale di crescita dell'economia sociale e premiare chi contribuisce, con donazioni o impegno personale, a queste iniziative. Per la consultazione aperta il governo ha creato un nuovo indirizzo mail (terzosettorelavoltabuona@lavoro.gov.it) a cui inviare proposte e suggerimento fino al 13 giugno.

Tags:
governoservizio civilelevapatria

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.