A- A+
Il Sociale

Sono 50 i comuni che hanno deciso di aderire al Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d'azzardo, presentato questa mattina a Milano nella sede di Legautonomie. Il Manifesto, promosso anche dalla Scuola delle buone pratiche di Terre di mezzo, chiede una nuova legge nazionale "fondata sulla riduzione dell'offerta e contenimento dell'accesso, con un'adeguata informazione e un'attività di prevenzione e cura". I sindaci chiedono inoltre "leggi regionali in cui siano esplicitati i compiti e gli impegni delle regioni sia per la cura dei giocatori patologici sia per la prevenzione dai rischi del gioco d'azzardo, sia per il sostegno alle azioni degli enti locali". Infine, vogliono avere "potere di ordinanza per definire l'orario di apertura delle sale gioco e stabilire le distanza dai luoghi sensibili" e poter esprimere "un parere preventivo vincolante" prima che la Questura rilasci l'autorizzazione all'apertura delle sale da gioco.

"Siamo in campagna elettorale - ha detto Maria Ferrucci, sindaco di Corsico, presentando il Manifesto - e il nuovo Parlamento dovrà occuparsi di questo fenomeno e non lasciare più soli i sindaci". Il gico d'azzardo ha conseguenze sociali pesanti: indebitamento dei giocatori, perdita del lavoro, della casa, rottura dei legamoi familiari. "C'è poi un problema di controlli su chi gestisce queste sale - ha aggiunto Maria Grazia Guida, vicesindaco di Milano -. È necessario verificare la legalità di chi investe in questo settore". Per Lucrezia Ricchiuti, vicesindaco di Desio e candidata per il Pd alle elezioni nazionali, se il Parlamento non provvederà a regolamentare in modo più stringente il settore, "sarà necessario avviare una raccolta di firme per una legge di iniziativa popolare".

Tags:
manifesto

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Dacia Jogger, la familiare sette posti

Nuova Dacia Jogger, la familiare sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.