A- A+
Il Sociale

In Spagna un bambino su quattro vive in condizioni di povertà e soffre di malnutrizione a causa dei tagli di bilancio che hanno spinto il governo a ridurre il supporto sociale necessario per aiutare le famiglie a far fronte alla crisi.  L’allarme arriva da Sos Villaggi dei Bambini che nei sette  Centri di sviluppo sociale a Madrid, Barcellona e in Galizia solo nel 2011 ha aiutato  4.500 bambini e oltre 700 famiglie che ancora oggi ricevono pasti regolari e vestiario.

 "Non sapevamo a chi rivolgerci, dal momento che non abbiamo parenti o amici. -  racconta Liliana, che vive in Spagna ma è nata in Uruguay - Ora i nostri figli sono ben curati, pranzano e fanno merenda al centro, dove vengono anche aiutati a fare i compiti. È stato difficile ammettere di essere in difficoltà e chiedere aiuto, ma oggi piano piano ne stiamo uscendo". Il marito di Liliana è disoccupato e la loro famiglia è entrata a far parte del programma di rafforzamento familiare di Sos nel 2008, dopo che il governo ha ridimensionato il budget per il sostegno ai nuclei familiari. I loro tre figli, spiega l’associazione, erano a rischio di malnutrizione, la frequenza scolastica e il comportamento aggressivo dei bambini, sommati alla terribile situazione della famiglia, hanno portato i due genitori a chiedere aiuto.

Secondo quanto dichiarato dal direttore regionale Pedro Puig gli educatori e terapeuti dei centri “segnalano un aumento allarmante del numero di genitori che dichiarano di avere subito violenza per mano dei propri figli". “Il tasso di disoccupazione tra i giovani delle comunità in cui operiamo raggiunge il 52 per cento – spiega -  e, in molte famiglie, entrambi i genitori sono disoccupati. Attraverso gli asili nido, sosteniamo i genitori affinché possano continuare a cercare un’occupazione”.

Nel Centro di sviluppo sociale di Barcellona Sos Villaggi dei Bambini ha avviato anche un programma di mentoring dedicato alle madri adolescenti, che, con l’aiuto di tutor individuali e grazie a un programma di accoglienza, formazione e sostegno nella ricerca di lavoro, vengono accompagnate nel percorso di acquisizione delle capacità genitoriali e di indipendenza economica. “La nostra priorità è proteggere i diritti dei bambini e garantire che non soffrano. Non possiamo permettere che abbandonino gli studi, perché così non avrebbero alcuna speranza. Per questo il nostro team a Madrid fornisce un sostegno ai giovani che sono stati espulsi dalla scuola e prevede di estendere il servizio anche ai bambini di strada” aggiunge Pedro Puig, Direttore nazionale di SOS Villaggi dei Bambini.
  

Tags:
commentopovertàspagna

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.