A- A+
Il Sociale


La vicenda di Luigi Preiti evidenzia con chiarezza il nesso sempre più stringente tra crisi economica, crisi familiare e gioco. È questa l’opinione di “Mettiamoci in gioco”, campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo, promossa da ACLI, ADUSBEF, ALEA, ANCI, ANTEAS, ARCI, AUSER, Avviso Pubblico, CGIL, CISL, CNCA, CONAGGA, Federconsumatori, FeDerSerD, FICT, FITEL, Fondazione PIME, Gruppo Abele, InterCear, Libera, Shaker - pensieri senza dimora, UISP.

La disperazione ha portato Preiti a un gesto violento dalla portata straordinaria, ma sappiamo che le difficoltà causate dalla crisi economica stanno spingendo sempre più persone verso il gioco d’azzardo e che sono in netta crescita le separazioni causate dalla dipendenza dal gioco, proprio come accaduto a Preiti. L’azzardo può diventare un potente catalizzatore di malessere, di sfiducia, di depressione, contribuendo alla rovina di persone e famiglie.

“Mettiamoci in gioco” chiede alle Istituzioni e alle forze politiche di intervenire finalmente per una reale e incisiva regolamentazione del gioco d’azzardo, affinché la sua diffusione non finisca per aggravare – soprattutto in un momento così critico per il paese – situazioni già difficili per altre ragioni. La campagna ha presentato in merito un proprio documento in otto punti (vedi allegato) che nelle prossime settimane verrà riproposto ai parlamentari di tutti gli schieramenti e al Governo in carica.

Tags:
preitigiocosparatoria

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.