A- A+
Il Sociale

Ogni 8 ore un ragazzino , 53% femmine, 47% maschi, muore suicida a seguito di vessazioni ripetute e atti di bullismo, nella fascia di età fra gli 11 ed i 15 anni : è uno stillicidio cui bisogna porre fine. Lo affermano in una nota congiunta il giornalista Mario Campanella, Presidente di Peter Pan Onlus, e la professoressa Donatella Marazziti, docente di psichiatria all’Università degli Studi di Pisa.

Si tratta di un dato orizzontale che riguarda tutti i 27 paesi dell’Unione – scrivono Campanella e Marazziti - e che ha un filo interconnesso con il fenomeno della cyberglobalizzazione. Spesso gli episodi di bullismo avvengono , all’interno di Messenger e Facebook, addirittura in un ambito continentale.

UNO SU 10 DEFINITO OMOSESSUALE - Un suicidio su dieci  avviene perché l’adolescente, di età tra i 14-15 anni, viene identificato come gay e colpito per le sue presunte tendenze, in un’età peraltro assai difficile all’interno della quale non sono compiuti i processi di maturazione . Permangono in tutti i Paesi sentimenti preoccupanti di ghettizzazione verso le diversità di genere- aggiungono Campanella e Marazziti- che dimostrano come i processi culturali e pedagogici siano ancora fortemente arretrati Campanella e Marazziti chiedono “ al Governo e alle forze politiche di sensibilizzare il commissario europeo Mallstrom, affinchè vengano emanati atti di indirizzo propedeutici non solo al controllo della rete, attraverso i provider, ma si utilizzino risorse per la prevenzione “

Tags:
bullismobambinisuicidiominoriomosessuali

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.