Franco Pittau, coordinatore del Dossier Caritas/Migrantes: "Poche risorse per il Piano di integrazione del governo"

Martedì, 26 ottobre 2010 - 15:55:00

Il piano interministeriale "Identità e incontro", presentato dal governo nel giugno 2010, presenta diversi spunti di interesse ma è dotato di risorse insufficienti per far fronte agli impegni che prende. E' l'opinione del coordinatore del Dossier Immigrazione Caritas/Migrantes, Franco Pittau. Parlando nel corso della presentazione del dossier, Pittau ricorda che manca in Italia una "decisa volontà di accoglienza" e parla dell'esempio tedesco, che "a partire dal 2005, superando il modello di una immigrazione temporanea, ha varato un impegnativo piano di integrazione supportato da consistenti risorse, che riserva ad ogni nuovo venuto 900 ore di insegnamento gratuito della lingua tedesca". E' l'occasione per ricordare che nel mese di giugno è stato varato un piano interministeriale per l’integrazione (denominato “Identità e incontro”), che - dice Pittau - "presenta diversi spunti di interesse ma che non è stato preceduto da un ampio coinvolgimento delle forze sociali, come è accaduto in Germania, ed è dotato di minori risorse". Secondo il coordinatore del “Dossier Statistico Immigrazione" si insiste "giustamente sull’apprendimento dell’italiano" ma occorre mettere in evidenza le difficoltà a livello economico, riguardanti la certificazione del livello di apprendimento richiesta nel sistema del permesso di soggiorno a punti (che per Pittau "non sembrerebbe equo addossare agli interessati") e "il rischio che l’apprendimento dell’italiano venga sentito dagli immigrati più come una minaccia che un’opportunità".

"Nel passato a livello nazionale - dice Pittau - si era arrivati ad assegnare fino a 100 milioni di euro per l’integrazione degli immigrati, mentre attualmente lo stesso importo caratterizza solo l’ammontare delle tasse che gli immigrati annualmente pagano per i permessi di soggiorno e le pratiche di cittadinanza (nel primo caso, sopportando notevoli lentezze burocratiche, e nel secondo caso senza la garanzia che la pratica vada a buon fine). Pittau ricorda che nel documento interministeriale si insiste sull’integrazione e "si ipotizza la necessità di superare il divieto che impedisce ai cittadini stranieri di accedere ai posti pubblici, superando la contraddizione per cui chiediamo loro di identificarsi con la società italiana ma li teniamo lontani dalla realtà pubblica".

Un rimando dunque al discorso fondamentale della necessità di una partecipazione più ampia degli stranieri e del riconoscimento del diritto al voto amministrativo. Ancora, Pittau nota che il documento interministeriale solleva "la questione delle pari opportunità da attribuire agli immigrati", rispetto alla quale però fa notare che i rappresentanti degli immigrati lamentano notevoli ritardi. Alcuni esempi: il cosiddetto “bonus bebé” ripetutamente limitato alle sole famiglie italiane, l’accesso all’edilizia residenziale pubblica sottoposto a un numero così elevato di anni di residenza da restringere sostanzialmente la cerchia dei possibili beneficiari immigrati, e ancora il caso dei rom, "per principio considerati nomadi (ma spesso sedentari) e destinati ai campi". "Serve una mentalità rinnovata - conclude Pittau - perchè l’obiettivo dell’integrazione è difficile ma irrinunciabile e richiede l’impiego di maggiori risorse e, ancora di più, un atteggiamento più aperto verso gli immigrati nella consapevolezza che essi sono indispensabili per sostenere l’andamento demografico negativo dell’Italia".

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA