A- A+
Il Sociale
poveri

Persone sole, spesso anziane, famiglie in difficoltà con l’affitto e i consumi quotidiani e una disoccupazione che aumenta nell’ultimo anno. A Roma e nel Lazio, come nel resto d’Italia, la povertà ha nuovi protagonisti che non trovano risposte adeguate per evitare che da una situazione temporanea, si trovino ad affrontare una condizione di povertà permanente. È questo il quadro che emerge dal Rapporto sulla povertà a Roma e nel Lazio presentato oggi dalla Comunità di Sant’Egidio presso la Camera di Commercio di Roma. Una realtà che, secondo Mario Marazziti della Comunità di Sant’Egidio, coinvolge direttamente le famiglie. “Nel Lazio, le famiglie hanno sopportato e sopportano molte di queste difficoltà – ha spiegato -. C’è il problema della casa e degli sfratti, c’è chi ha il lavoro ma si è separato dalla famiglia e vive in automobile o frequenta i centri della Comunità per essere presentabile e non perdere il lavoro".
 
Una situazione che vede ancora una volta le famiglie diventare il primo
e spesso unico ammortizzatore sociale. "La famiglia sta supplendo a molte difficoltà – ha spiegato -. La famiglia oggi in Italia ha erogato 20 miliardi di euro  nell’ultimo anno per coprire problemi di altri membri. Molto del disagio sociale in Italia non si avverte perché la famiglia sta aiutando gli altri membri. Questa è la grande risorsa italiana".

Nonostante tutto, però, per Marazziti mancano strumenti che sostengano la famiglia. "L’Italia è il penultimo paese in Europa per trasferimenti diretti alle famiglie – ha aggiunto Marazziti -. Non esiste un sistema di benefit. Esistono solo degli strumenti arcaici che non incidono. Le famiglie che permettono agli anziani di vivere con dignità a casa e di non finire in istituto dovrebbero poter avere delle agevolazioni o dei contributi diretti. Se non ci sono le risorse per introdurre subito il quoziente familiare e ristrutturare tutta la tassazione a vantaggio delle famiglie più numerose e meno abbienti, che possano avere sgravi fiscali".
 
Insufficienti anche gli strumenti per il contrasto della povertà attuali, come la social card rilanciata dal governo Monti in una sperimentazione che coinvolgerà soprattutto le famiglie in difficoltà. "Si tratta di uno strumento insufficiente – ha spiegato Marazziti -. Noi dobbiamo introdurre il reddito minimo di sostentamento e di inserimento sociale perché dobbiamo evitare che dalla povertà temporanea si arrivi a quella strutturale. Questo sarebbe un peso impossibile da sostenere per l’Italia. Il reddito minimo non è uno strumento assistenziale, ma un patto con i cittadini in difficoltà. Si aiuta chi è in difficoltà ma c’è anche la formazione e se si trova un lavoro, non deve essere rifiutato"

Tags:
povertà rapportocomunità sant'egidio

i più visti

casa, immobiliare
motori
Toyota BZ4X, il primo veicolo elettrico a batteria (BEV)

Toyota BZ4X, il primo veicolo elettrico a batteria (BEV)


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.