A- A+
Il Sociale

"No alle nozze gay, ma sì al riconoscimento dei diritti per le coppie di fatto e omosessuali”. Questo ha affermato l'arcivescovo Vincenzo Paglia, neo presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia. Ed ha precisato che la Chiesa è favorevole "a che in questa prospettiva si aiutino a individuare soluzioni di diritto privato e prospettive patrimoniali all'interno dell'attuale Codice civile...è tempo che i legislatori se ne preoccupino".

Vito Mancuso, in un articolo sulla notizia, scrive: “Naturalmente nelle sue parole al primo posto non poteva non esserci la difesa del primato della famiglia tradizionale, come è giusto che sia nell’impostazione cattolica e non solo cattolica, visto che il primato della famiglia tradizionale è un’impostazione condivisa da tutte le grandi tradizioni spirituali dell’umanità, sia religiose sia filosofiche, che non hanno mai conosciuto un matrimonio tra persone dello stesso sesso” (La Repubblica del 5 febbraio). Non mi sembra una bella maniera di argomentare. Anziché entrare nel merito della questione e dimostrare con argomenti inconfutabili perché la famiglia tradizionale debba avere il primato su altri tipi di famiglia, ci si appella al fatto che “è un’impostazione condivisa da tutte le grandi tradizioni spirituali dell’umanità”. E allora? Non si tratta sempre di una discriminazione?

Renato Pierri

Tags:
famiglia tradizionalevito mancuso

i più visti

casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.