A- A+
Il Sociale

Sono circa mille i bambini tra i 10 ed i 13 anni, prevalentemente femmine, di origine serba, rumena e albanese, vittime della prostituzione minorile a Napoli e a Roma: si vendono per 10-15 euro nell'assoluta indifferenza delle istituzioni: a gennaio organizzeremo iniziative simboliche forti. La denuncia arriva dal giornalista Mario Campanella, Presidente dell'associazione Peter Pan, che si occupa di lotta alla pedofilia. "Sembra essere tornati ai tempi de La Pelle di Malaparte - afferma il giornalista- ma stavolta c'è meno rumore  di allora, quando per la fame e la miseria si concedeano i bambini agli americani ed ai marocchini"

ARRIVANO DALL'HINTERLAND CON GLI AGUZZINI - I bambini stazionano a Napoli nelle zone di Via Toledo, Piazzale Tecchi , e addirittura anche su Piazza Trento e Trieste: arrivano ogni mattina dall'hinterland accompagnati dai loro aguzzini. A Roma, invece, i punti centrali sono Piazza Bologna, la stazione Tiburtina , la Garbatella. "C'è un giro di pedofili che conosce bene lo stillicidio - denuncia Campanella -  e che non è solo di derivazione urbana: ormai arrivano anche da fuori città per compiere ogni giorno un crimine contro l'umanità".

L'APPELLO AI POLITICI - L'associazione Peter Pan ha chiesto a più politici nazionali, impegnati per la campagna elettorale, di inserire la lotta alla pedofilia e alla mendicità al centro dei suoi programmi, incitando tutti i leader politici, da Bersani a Berlusconi, da Casini a Vendola, da Monti a Grillo, affinché aprano i loro occhi e non pensino solo allo spread e alle dispute sull'economia. "Abbiamo inviato appelli di psichiatri, universitari , del mondo cattolico che è l'unico ad occuparsi di assistenza concreta a questi bambini, ma il nostro grido è rimasto inascoltato".

Da qui l'iniziativa, prevista per il prossimo 6 gennaio. In occasione dell'Epifania, verrà inviato un dossier sulla Befana dei bambini mendicanti al capo dello Stato Giorgio Napolitano e ai segretari dei partiti. La speranza è che si possano aprire squarci di luce su questo mondo non più sommerso di miserie e di violenza.

L'ESPERTO: DANNI PSICHICI PER SE BAMBINI SU 10 - "I dati diffusi dal giornalista Mario Campanella sui bambini costretti a prostituirsi a Napoli e Roma, sono agghiaccianti : 6 su dieci svilupperanno disturbi psichici". Ad affermarlo è  Donatella Marazziti, docente di psichiatria all'Università degli studi di Pisa

"Il 60% dei bambini vittime della pedofilia e della prostituzione - continua  Marazziti - sviluppa disturbo post traumatico da stress (26% ), disturbi di ansia diversi come fobie e panico (16%), disturbi dell'umore (14%) e disturbi psicotici (4%), mentre il 40% di loro enuclea disturbi di personalità, se non intervengono cure psicoterapiche e farmacologiche adeguate".

E' sconcertante - secondo Marazziti - assistere al silenzio che pervade le istituzioni dinanzi a fatti cosi gravi, che già nel passato, grazie alle grandi inchieste giornalistiche , erano emerse prepotentemente. Il rapporto fra traumi e sviluppo di disturbi psichiatrici è noto ormai da decenni, così come sono note le convenzioni internazionali sull'infanzia che, però,- conclude il cattedratico pisano - rimangono lettera morta nella loro applicazione reale".

Tags:
campanellabambini schiaviprostituzionenapoliroma

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.