Un immigrato è stato trovato con ustioni alle gambe all'interno di un cassonetto, alla periferia di Roma, in via Casal de' Pazzi. La vittima ha riferito che cinque persone, che erano a bordo di un'auto, lo hanno gettato nel cassonetto, al quale avrebbero poi dato fuoco. Ad allertare il 118 sono stati passanti che hanno visto il cassonetto bruciare.

"Erano cinque ragazzi, mi hanno dato fuoco". Ha riferito questo Rachid Zahraoui, il marocchino di 42 anni vittima dell'accaduto. Ma è un mistero la dinamica di quanto sia realmente accaduto all'immigrato, trovato ubriaco e in stato confusionale. L'uomo sarebbe stato soccorso da un gruppo di giovani all'interno di un cassonetto in fiamme ed è attualmente ricoverato in codice giallo con ustioni al volto ed agli arti superiori. In evidente stato confusionale, il marocchino non farebbe altro che parlare di cinque persone, cinque giovani. Non è però chiaro, rispetto alla prima ricostruzione, in cui sembrava che il marocchino dicesse di essere stato gettato nel contenitore dei rifiuti e poi dato alle fiamme, se però si riferisca a chi in realtà potrebbe averlo salvato dalle fiamme. Rachid Zahraoui aveva in mano due accendini.

Gli inquirenti non escludono quindi che l'uomo possa essere entrato spontaneamente nel cassonetto, per usarlo come rifugio per la notte, e che poi per scaldarsi abbia usato gli accendini provocando cosi le fiamme. I militari risentiranno il marocchino per cercare di fare chiarezza. Alcuni testimoni comunque riferiscono di un gruppo di giovani soccorritori.

2013-12-04T08:13:16.63+01:002013-12-04T08:13:00+01:00truetrue956116falsefalse232Il Sociale/sociale413100279572013-12-04T08:13:16.693+01:009572013-12-04T16:23:31.13+01:000/sociale/roma-fuoco-immigrato-gettano-cassonetto041213false2013-12-04T15:22:57.74+01:00310027it-IT102013-12-04T08:13:00"] }
A- A+
Il Sociale

 



Un immigrato è stato trovato con ustioni alle gambe all'interno di un cassonetto, alla periferia di Roma, in via Casal de' Pazzi. La vittima ha riferito che cinque persone, che erano a bordo di un'auto, lo hanno gettato nel cassonetto, al quale avrebbero poi dato fuoco. Ad allertare il 118 sono stati passanti che hanno visto il cassonetto bruciare.

"Erano cinque ragazzi, mi hanno dato fuoco". Ha riferito questo Rachid Zahraoui, il marocchino di 42 anni vittima dell'accaduto. Ma è un mistero la dinamica di quanto sia realmente accaduto all'immigrato, trovato ubriaco e in stato confusionale. L'uomo sarebbe stato soccorso da un gruppo di giovani all'interno di un cassonetto in fiamme ed è attualmente ricoverato in codice giallo con ustioni al volto ed agli arti superiori. In evidente stato confusionale, il marocchino non farebbe altro che parlare di cinque persone, cinque giovani. Non è però chiaro, rispetto alla prima ricostruzione, in cui sembrava che il marocchino dicesse di essere stato gettato nel contenitore dei rifiuti e poi dato alle fiamme, se però si riferisca a chi in realtà potrebbe averlo salvato dalle fiamme. Rachid Zahraoui aveva in mano due accendini.

Gli inquirenti non escludono quindi che l'uomo possa essere entrato spontaneamente nel cassonetto, per usarlo come rifugio per la notte, e che poi per scaldarsi abbia usato gli accendini provocando cosi le fiamme. I militari risentiranno il marocchino per cercare di fare chiarezza. Alcuni testimoni comunque riferiscono di un gruppo di giovani soccorritori.

Tags:
romafuocoimmigratocassonetto
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.