A- A+
Il Sociale

Una bimba di 6 anni sopravvissuta ma traumatizzata alla strage della scuola Sandy Hook in Connecticut ha chiesto un risarcimento di 100 milioni di dollari.  Nel massacro a Newtown in Connecticut il 14 dicembre un 20enne, Adam Lanza, ha ucciso 20 bambini e sei adulti nella scuola Sandy Hook di Newtown . La bambina era a scuola, e non venne colpita dagli spari.

strage di Newtown (1)
Guarda la gallery

Il legale della piccola, identificata come "Jill Doe" (nome di fantasia) ha citato la stessa scuola, il ministero dell’Istruzione e il commissario all’educazione del Connecticut per non aver preso le necessarie precauzioni per proteggere i bambini.
 
NON MANGIA E NON DORME - Secondo Irving Pinsky, il legale della famiglia, la bambina avrebbe subìto "traumi emotivi e psicologici e lesioni, la cui natura e la cui portata sono ancora da stabilirsi", si legge sulla denuncia depositata in procura. Dal giorno della strage, la bambina, spiega il legale, dorme poco e non vuole tornare a scuola. "Una persona con problemi come Lanza, potenzialmente a rischio, doveva essere conosciuto dalla polizia", si spiega ancora sulle carte, in cui si sottolinea l’inadeguatezza delle misure per garantire la sicurezza dei bambini. 


 

Tags:
newtownstrage scuoladannibimba

i più visti

casa, immobiliare
motori
Kia svela la nuova generazione della Niro

Kia svela la nuova generazione della Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.