A- A+
Il Sociale
Verso il Forum Nazionale Scuole Aperte

La scuola è la più grande infrastruttura sociale del nostro Paese. Prima e più che gli aeroporti, le autostrade, i viadotti. Le scuole sono dappertutto e dappertutto accolgono la sfida della trasmissione del sapere, dell’educazione dei giovani, dell’incontro tra le generazioni, del confronto fra culture, dello scambio di linguaggi. Per questo nulla più della scuola è il “bene comune” di questo Paese.

La scuola è viva e lo dimostrerà il 16 giugno - Nella narrazione quotidiana della scuola si raccontano solo i problemi e le criticità. Restano nell’ombra le immense potenzialità e le innovazioni di cui è protagonista. Occorre cambiare prospettiva, proporre uno scatto culturale. È l’obiettivo che si pongono il Miur e Vita che il 16 giugno, a Milano, lanceranno, alla presenza del sottosegretario all’Istruzione Roberto Reggi, il Primo Forum nazionale delle Scuole Aperte, per raccontare al Paese che la scuola italiana è viva e che mette a disposizione il suo immenso patrimonio immobiliare per raccogliere le energie diffuse dei nostri quartieri. Il 16 si aprirà il confronto fra quegli istituti che dopo le lezioni, nelle altre ore del giorno, offrono i loro spazi ad attività per tutte le età e per tutti: nonni, giovani, associazioni, imprese creative. Con i cortili che si trasformano in giardini pubblici o mercati a km zero, le biblioteche che diventano centri di aggregazione, le aule che fanno da civic center, le palestre che fungono da campus.

Sembra un sogno, ma è già realtà - Sembra un sogno, ma la Scuola Aperta si può fare subito, senza attendere particolari riforme o finanziamenti istituzionali. Anzi, la Scuola Aperta esiste già, nelle grandi e piccole città, al Nord come al Sud. Scuola Aperta è, ad esempio, l’Istituto Cadorna di Milano da cui gli italiani fuggivano perché c’erano troppi stranieri e che ora è diventata un polo di eccellenza. Scuola Aperta è la Di Donato di Roma, presa ad esempio in Europa per essere divenuta centro di coesione sociale nel quartiere Esquilino, uno fra i più multietnici della città. Scuola Aperta è l’Istituto Fermi di Mantova, che con le sue sole forze ha saputo trasformarsi in un polo 3.0 così all’avanguardia da collaborare con il MIT di Boston. E poi c’è il Comune di Milano, il primo in Italia ad aprire un ufficio Scuole Aperte (il protocollo sarà presentato proprio in occasione del Forum di Milano). Mentre al Miur un Gruppo di lavoro punta a mettere in relazione le buone pratiche presenti sul territorio.

Lo storytelling delle esperienze in corso- Le storie delle Scuole Aperte vi stupiranno. Raccontare queste esperienze è il primo passo per far sapere che “si può fare” e per contagiare tante altre realtà. Creare una rete servirà alle istituzioni coinvolte per arricchirsi reciprocamente e confrontarsi sulle soluzioni possibili per affrontare obiezioni, dubbi, problemi. Questo grande racconto comincerà il 16 giugno prossimo per poi sfociare in autunno nel Forum Nazionale delle Scuole Aperte, che si terrà a Firenze. Perché nulla più della scuola è il “bene comune” di questo Paese.

Tags:
forum nazionalescuole aperte
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.