A- A+
Speciale Quirinale
Prodi al Colle? La svolta. "Se Renzi decide di candidarlo, lui dice sì"


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Torna in gioco il nome di Romano Prodi per il Quirinale, rilanciato con forza da Pippo Civati. "Il vero problema è se è disponibile l'Italia", afferma ad Affaritaliani.it Albertina Soliani, ex sottosegretario nel primo governo guidato dal Professore ed ex senatrice vicinissima a Prodi. "Con la vittoria di Tsipras in Grecia si apre un nuova fase per l'Europa e in questo contesto l'Italia può dare un notevole contributo. Gli schemi interni della nostra politica devono lasciare il posto a nuovi obiettivi. La politica europea e italiana si sta evolvendo e ora punterà dritto verso la crescita, quindi chi meglio di Romano Prodi, che è stato premier e presidente della Commissione europea, può essere in questo momento il Capo dello Stato? Vorrei sapere che cosa ne pensano i parlamentari. La scelta di eleggere Prodi Presidente sarebbe ottima anche per Renzi e lo rafforzerebbe, visto i politici che ha intorno ora...". Ma se il premier candidasse davvero Prodi al Quirinale ascoltando Civati, il Professore accetterebbe? "Non so come la prederebbe, ma se Renzi fa un ragionamento politico condivisibile penso che Prodi non si potrebbe certo sottrarre".

CIVATI INSISTE PRODI - "Sono del suo stesso partito. Forse Renzi dovrebbe ascoltare le altre componenti del Partito democratico aprendo una riflessione". Lo ha detto Pippo Civati, conversando con i cronisti in largo del Nazareno mentre nella sede del partito si stanno svolgendo le 'consultazioni' per il Colle. "Solo pensare che la candidatura di Prodi possa essere divisiva, dice che c'e' qualcosa che non funziona", ha aggiunto l'esponente della minoranza Dem. "Penso che alla prima votazione, di fronte alla scheda bianca, si possa votare per Romano Prodi e fino a che non mi rispondono insisto. Credo che tutta questa ipocrisia sul Quirinale, che non se ne possa parlare in pubblico, sia sbagliata".

Sono una ventina al momento, a quanto si apprende, le risposte arrivate dai parlamentari Pd alla lettera con cui ieri Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio chiedevano di 'fare i nomi' per il candidato al Colle. Il blog di Grillo comincia a pubblicarne alcune, in un post dal titolo #IlPdRisponde. E su 6 risposte, 4 indicano come candidato Romano Prodi. "Le prime risposte dei parlamentari del Pd alla richiesta di una rosa di nomi per la Presidenza della Repubblica - spiega il post - sono arrivate. Si riportano in modo integrale le mail relative a 'Lettera ai parlamentari PD per i candidati alla presidenza della Repubblica' ringraziandoli per l'attenzione". Seguono poi le risposte di alcuni parlamentari Dem: c'e' anche quella di Pippo Civati che gia' ieri aveva reso pubblica la sua opinione sul suo blog e aveva proposto Romano Prodi.

Tags:
prodi
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.